/ Eventi

Eventi | 11 novembre 2019, 11:19

La musica dell'EstOvest risuona da Torino e Rivoli

Domenica alle 16 nel Teatro del Castello di Rivoli il Quartetto Ascanio, accompagnato dalla voce narrante di Marco Testa

La musica dell'EstOvest risuona da Torino e Rivoli

Entra nel vivo EstOvest, il Festival di musica classica contemporanea promosso dall’Associazione Ensemble Xenia che prevede nell’arco temporale di due mesi 27 eventi, progetti pensati ad hoc e molto spesso in prima esecuzione, che abbracciano la creazione musicale contemporanea.
 
Venerdì 15 novembre alle 21.30 torna il tradizionale concerto di EstOvest negli spazi del Folk Club (Via Ettore Perrone 3b; ingresso 15 euro intero, 10 euro ridotto). Quest’anno, a collaborare con NEXT-New Ensemble Xenia Turin, sarà il percussionista togolese Da Silveira che si esibirà in Inizi, un programma dedicato al ritmo. Il musicista porrà l’attenzione sulla ricchezza e sul grado di virtuosismo che si può raggiungere pur non contemplando l’elemento melodico, su come la musica non sia solo rappresentata dall’espressività di un cantabile ma anche dal palpitare di una trama ritmica fitta e coinvolgente. Commissione EstOvest Festival 2019 sarà il brano dall’originale organico, percussioni e quartetto d’archi, scritto dai giovani compositori/intellettuali del Collettivo In.Nova Fert.
 
Per coinvolgere sempre di più il pubblico, anche quest’anno il Festival si sposta con una programmazione parallela - ESTOVEST OFF - in spazi inconsueti: dopo aver allietato i viaggiatori con l’esibizione della violinista Corinna Canzian nella stazione Metrolpolitana di Torino Porta Nuova, la musica contemporanea di EstOvest troverà casa sabato 16 novembre alle 11.30 nella Farmacia di Porta Palazzo (piazza della Repubblica, 21). Da sempre luogo di passaggio per i frequentatori del celebre mercato, la Farmacia ospiterà la giovanissima e talentuosa violinista Flavia Napolitano che si cimenterà in un programma dedicato alla musica popolare di tutto il mondo. Il repertorio si sposterà dall’ Argentina di Piazzolla all’Europa settecentesca con una danza popolare di Bach, dai salotti del primo Ottocento di Paganini agli spazi nostalgici della nobile musica gitana di Ysaÿe. L’ingresso al concerto è gratuito
 
Domenica 17 novembre alle 16.00, il Quartetto Ascanio - accompagnato dalla voce narrante di Marco Testa -  si esibirà nella magnifica cornice del Teatro del Castello di Rivoli (piazzale Mafalda di Savoia, 2) Il ponte sulla Drina. Il ponte sulla Drina è sicuramente uno dei romanzi più straordinari del Novecento. Scritto dal Premio Nobel bosniaco Ivo Andric, racconta di cinquecento anni di storia dei Balcani, crocevia di culture e popoli, guerre e rivalità. Fino a giungere alla prima guerra mondiale, sotto le arcate salde e prestanti del ponte “silenzioso” e immutabile.
Incorniciato da due contrappunti dell’Arte della Fuga, il programma musicale vuole rappresentare  la varietà e l’eterogeneità degli stili di quell’area dell’Europa.
Il languido ed ironico Underground Tango di Bregovich viene accostato alle musiche di Adnan Saygun, il più importante compositore della Turchia di Atatürk insieme alla pagine di Petrovics, così inequivocabilmente influenzato dai grandi compositori sovietici e da Shostakovich in particolare. A rappresentare l’Austria , lo struggente primo movimento del quartetto di Franz Schubert Rosamunda. L’ingresso al concerto è di 8 euro intero e ridotto 5 euro (con il biglietto al Museo 5 euro).

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium