/ Attualità

Attualità | 31 ottobre 2019, 17:10

La Scuola Veterinaria compie 250 anni: 10mila gli animali curati ogni anno dall’ospedale didattico

Un passato glorioso con una storia lunga tre secoli e un presente di assoluto valore: 1.100 gli studenti presenti a Grugliasco

La Scuola Veterinaria compie 250 anni: 10mila gli animali curati ogni anno dall’ospedale didattico

La scuola veterinaria dell’Università di Torino compie 250 anni. È un traguardo speciale quello raggiunto dall’istituto fondato nel lontano 1769 per volere del re Carlo Emanuele III.

Dopo una lunga permanenza in via Nizza, oggi il Dipartimento di Scienze Veterinarie ha sede a Grugliasco, dove oltre 1.100 studenti possono fare pratica diretta degli insegnamenti recepiti presso l’Azienda Agricola Didattica o nella struttura ospedaliera: qui il pronto soccorso, attivo 365 giorni su 365, 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, si prende cura ogni anno di 10.000 animali. Un numero impressionante, che certifica quanto la struttura e le persone che la animano siano punti di riferimento importantissimi per gli animali e per chi li ama.

Sempre a Grugliasco, in largo Paolo Braccini, ha poi sede il C.A.N.C. (centro animali non convenzionali), che cura e tratta gli animali non “classici” come l’Alpaca Joy, arrivato qualche giorno fa in condizioni disperate, ma anche uccelli, tartarughe, pecore e galline. Non solo cani e gatti dunque: ogni genere di animale trova posto in questa struttura d’eccellenza.

Consapevole di questo assoluto valore il rettore dell’Ateneo Stefano Genua che, insieme al Direttore del Dipartimento di Scienze Veterinarie Domenico Bergero, il vice direttore alla Ricerca Antonio D’Angelo e la vice direttrice alla Didattica Rosangela Odore ha fatto il punto sulle sfide e i progetti della Scuola. Sì, perché nonostante un passato glorioso e un presente di assoluto livello, la Scuola di Veterinaria guarda più che mai al futuro. La celebrazione ufficiale del 250° anniversario è avvenuta nell’Aula Magna della Cavallerizza Reale, con la presentazione della pubblicazione per l’anniversario della Scuola. Per celebrare questo compleanno speciale, inteso come step e non punto di arrivo, Poste Italiane ha inoltre emesso oggi un francobollo ad hoc dalla tiratura di cinquecentomila esemplari.

Attualmente sono 707 gli iscritti al corso di laurea in Veterinaria, tra vecchio e nuovo ordinamento. Per quanto riguarda il corso di laurea triennale in Produzioni e gestione degli animali in allevamento e selvatici, gli iscritti sono 446, che sommati ai 3 dell’ordinamento precedente spingono il numero a 449. La maggior parte degli studenti è rappresentata dal sesso femminile. A loro e ai 106 docenti, 23 dottorandi, 8 assegnisti e 7 borsisti, nonché agli oltre 60 veterinari il compito di scrivere le pagine della Scuola Veterinaria di domani.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium