/ Cronaca

Cronaca | 24 settembre 2019, 15:30

Ai blocchi di partenza la nuova stagione del Cirko Vertigo di Grugliasco [FOTO]

L’assessora Guarino: “Una scelta importante che offre un alto livello di qualità in grado di aiutare a crescere le realtà locali e facendo in modo che la cultura vada verso i cittadini”

Ai blocchi di partenza la nuova stagione del Cirko Vertigo di Grugliasco [FOTO]

Sotto la guida del direttore artistico Paolo Stratta della Fondazione Cirko Vertigo di Grugliasco prosegue l’esplorazione del mondo attraverso le visioni e la sensibilità degli artisti, approfondendo la linea tracciata l’anno scorso: è infatti ai blocchi di partenza la nuova stagione che si dipanerà nell’arco di sette mesi, dall’11 ottobre al 16 maggio, e ciò sarà possibile grazie al sostegno ed alla collaborazione del Comune, della Regione Piemonte, della Città Metropolitana e della Fondazione “Piemonte dal vivo”.

“Una scelta importante – dice l’assessora grugliaschese alla Cultura Emanuela Guarino – che si avvale di un professionista offrendo un alto livello di qualità in grado di aiutare a crescere le realtà locali e facendo in modo che la cultura vada verso i cittadini, avvicinandoli attraverso un cartellone ricco e variegato che è germogliato nei numeri, negli spazi e nelle discipline proposte che spaziano tra circo contemporaneo, musica, danza e teatro. Uno slancio che troverà concretezza nelle tre sedi di Cirko Vertigo delle quali due a Grugliasco, parco Le Serre e teatro Perempruner, ed una a Torino, il Café Muller; per noi è motivo d’orgoglio assistere e contribuire al consolidamento di questa realtà ed alla sua espansione”. “Abbiamo invitato registi, coreografi ed interpreti – spiega Stratta – ad offrire chiavi d’interpretazione e modalità di riflessione intorno ai grandi temi che la società impone: l’attenzione verso l’altro, l’incontro con culture diverse, la tensione verso nuovi percorsi dell’anima che, insieme al corpo ridisegnato sul palco, siano in grado di prospettare nuove visioni e vie d’uscita alla chiusura mentale”.

Si comincerà con “I-Solo” in prima nazionale, di e con Jerome Thomas, nel quale questo maestro della scena internazionale nuovamente si reinventa facendo il punto sull’arte dell’esistenza; passando per “La cortesia dei non vedenti”, di e con Giuseppe Cederna, che si chiede cosa deve succedere nelle nostre vite perché qualcosa di ciò che viviamo ci tocchi così profondamente da lasciare un’impronta e diventare parte di noi. Il Natale vedrà nuovamente protagonista il Vertigo Christmas Show con la regia di Luisella Tamietto, mentre l’inizio del nuovo anno sarà inaugurato dallo spettacolo di Denise Zucca “This is mix” della nascente compagnia "Mixit" che porterà in scena 20 ballerini del suo Centro studio danza. Per proseguire con la prima nazionale di “Houdini – Il più grande mago del mondo” di e con Marco Berry; poi i “Match d’improvvisazione teatrale” per il nono anno consecutivo; “A spasso con Neri” di e con Neri Marcorè, mentre “Chiedimi se sono di turno” di e con Giacomo Poretti chiuderà il programma nella prossima primavera; ma sono solo una minima parte degli spettacoli che andranno in scena.

“È un cartellone multidisciplinare nel quale i vari generi si contaminano fra loro – aggiunge Claudia Grasso della Fondazione Piemonte dal vivo – ed è grazie al dialogo aperto con le eccellenze del territorio e ad un sistema integrato che nasce dalla condivisione di finalità che portiamo avanti un progetto sulle arti performative con uno sguardo attento al presente”. “Siamo una delle poche realtà europee – conclude Stratta – nella quale convivono in un unico ecosistema bambini, ragazzi e adulti; dobbiamo avere coraggio perché solo osando possiamo superare i nostri limiti, abbiamo avuto l’ardire di riportare in Italia diversi artisti che erano emigrati all’estero”.

Massimo Bondì

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium