/ Cronaca

Cronaca | 05 agosto 2019, 14:36

Esalazioni nauseanti a Borgata Paradiso, l’assessore Manfredi ai residenti: "Disponibile ad un incontro pubblico"

L'assessore all'Ambiente di Collegno: “Sono stupito dalle dichiarazioni di chi sostiene di aver finora trovato un muro di gomma”

Esalazioni nauseanti a Borgata Paradiso, l’assessore Manfredi ai residenti: "Disponibile ad un incontro pubblico"

Giunge puntuale la replica dell’assessore all’Ambiente di Collegno Enrico Manfredi rispetto alla questione legata alle esalazioni nauseanti che colpiscono i residenti di borgata Paradiso (che abbraccia anche il territorio di Grugliasco) ed al conseguente incontro pubblico coi rappresentanti istituzionali di entrambi i Comuni alla presenza di un delegato dell’Arpa di Torino per discutere della situazione denunciata da alcuni collegnesi che hanno firmato una petizione segnalando l’azienda Sele Gomma quale responsabile dei cattivi odori emanati.

“In merito a questa vicenda – spiega Manfredi – sono stupito dalle dichiarazioni di chi sostiene di aver finora trovato un muro di gomma da parte del Comune poiché la questione nel tempo è stata già ampiamente affrontata ed esiste uno storico d’incontri e monitoraggi che nessuno ha chiesto di conoscere, come se il problema venisse affrontato adesso per la prima volta”.

“E’ stato già fissato da parte mia – prosegue l’assessore – un appuntamento per il 25 luglio poi saltato per motivi indipendenti dalla mia volontà poiché quel giorno ho dovuto sostituire il sindaco ad un incontro in Città metropolitana. Il secondo appuntamento, proposto da me per il 31, è stato rifiutato dai residenti: si è così giunti a prospettare una data a settembre e la mia disponibilità parte dal 16, giorno che verrà fissato se riceverò conferma da parte dei firmatari della petizione”.

“La faccenda legata agli odori provenienti dalla lavorazioni dell’azienda in questione – aggiunge Manfredi – è ormai storica così come lo è l’impegno dell’amministrazione comunale nell’ascoltare i cittadini; personalmente nello scorso mandato li ho incontrati due volte ed ho fatto un sopralluogo della ditta per verificare gli accorgimenti che vengono adottati allo scopo di ridurre al minimo l’impatto ambientale”.

“I monitoraggi sulle esalazioni – conclude l’assessore – vengono effettuati da anni e non sono mai stati rilevati valori anomali o potenzialmente pericolosi per la popolazione circostante. Ciononostante è indubbio che ci sia un impatto olfattivo sulla borgata rispetto al quale occorre sforzarsi di trovare delle ulteriori migliorie, pur nella consapevolezza che tali odori sono una conseguenza inevitabile del ciclo di vulcanizzazione delle gomma. In ogni caso sono e rimango disponibile a far incontrare le diverse parti in campo che comprendono anche gli enti di controllo e tutela della salute pubblica con l’obiettivo di trovare insieme una soluzione che migliori la qualità della vita dei cittadini che abitano in quella zona”.

Massimo Bondì

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium