/ Eventi

Eventi | 30 luglio 2019, 12:43

Si chiude la stagione del Gru Village, un grande successo con oltre 50.000 spettatori

È un bilancio tutto positivo quello con cui si è conclusa l’edizione 2019 il GruVillage 105 Music Festival

Si chiude la stagione del Gru Village, un grande successo con oltre 50.000 spettatori

L’edizione più lunga degli ultimi anni con 19 date (17 concerti con il meglio della musica nazionale e internazionale, un grande happening gratuito firmato Radio 105 e un concerto benefico sotto il cappello GruVillage 4 Good) ha accolto nell’Arena di Shopville Le Gru oltre 50.000 spettatori paganti, poco più di 2.000 omaggi e 1900 ospiti degli sponsor, oltre 900 addetti ai lavori fra artisti e rappresentanti della filiera musicale italiana e internazionale, giornalisti e fotografi e 147 tra fornitori, partner e sponsor.

Numeri che confermano ancora una volta come l’approccio del Festival promosso dal Consorzio Esercenti di Shopville Le Gru con la fondamentale collaborazione di sponsor privati incontri il gusto di un pubblico affezionato al Festival dove tutto è semplice e i biglietti sono sempre accessibili. 4700 parcheggi gratuiti accanto all’arena, tanti ingressi per non fare mai la coda, un prato verde dove ci si può stendere prima dell’inizio del concerto e dove anche i più piccoli possono godersi la serata, bar comodi e molti servizi: questi i fattori di una formula quasi magica che, unita ad un cartellone di altissimo profilo, ogni anno viene arricchita e migliorata dagli organizzatori.

“Il numero di spettatori, che supera le 50.000 presenze, – spiega il presidente del Consorzio Esercenti di Le Gru, Felice Gai – conferma il gradimento del pubblico nei confronti del Festival e della filosofia che il GruVillage porta avanti: una programmazione eclettica e di grande qualità che riunisce all’interno dello stesso cartellone artisti italiani e internazionali molto diversi tra loro, per una proposta musicale capace incontrare i diversi gusti del pubblico”. “Il tutto – aggiunge il direttore del Festival e di Shopville Le Gru, Davide Rossi – a prezzi contenuti (la maggior parte fra i 10€ e i 20€) per dare a tutti la possibilità di vedere dal vivo il proprio artista preferito o di trascorrere una piacevole serata all’aperto ascoltando ottima musica, senza rinunciare agli alti standard di sicurezza e di accoglienza che il Festival garantisce nei confronti sia degli artisti sia degli spettatori”.  

Inaugurato dalla potente voce black di Anastacia, tra il 14 giugno e il 27 luglio, il GruVillage 105 Music Festival, con una media di 3.000 spettatori a serata nei 16 concerti in piedi (3 erano a sedere con platee fra le 1000 e le 1300 persone), ha ospitato 55 artisti, fra cantanti e band: dal talentuoso cantante e chitarrista Ben Harper in scena con The Innocent Criminals (prima data del tour europeo) sold out già a marzo, alle icone Loredana Bertè e Macy Gray (unica data italiana), dai dj Steve Aoki (con il cameo di Sfera Ebbasta), Gabry Ponte e Bob Sinclar ai giovani talenti della musica italiana Irama, Anastasio e Achille Lauro, passando per il cantante britannico Tony Hadley e il musicista e produttore sloveno Gramatik (unica data italiana). Quattro le band: il gruppo hard rock Wolfmother, i padri del progressive metal Dream Theater, e gli italiani Coma_Cose e Canova. Due serate speciali, la prima dedicata ai musical con Broadway Celebration e la seconda omaggio ai leggendari Queen con il Tribute Show dei Break Free. Un grande party, 105 On Stage, nel giorno della Festa della Musica con Benji&Fede, Elodie, The Kolors, Mondo Marcio e Jefeo, presentati da Fabiola e Dario Spada. Un concerto benefico a favore dei bambini di strada di Phnom Penh reso con le note del mandolino e della chitarra acustica di Aco Bocina che inaugura il nuovo filone del Festival “GV4Good”. Senza dimenticare i tanti artisti in apertura e in chiusura, da Edo Ferragamo a Jason Richardson, dagli Electric Pyramid ai Vitriol, dal Muro del Canto ai torinesi Oscar, The Sweet Life Society, Double S e Victor Kwality, ai dj Antonio Pivati, Yaya, Pippo Palmieri e Simo J.

Una line up ricchissima, fra le più lunghe nella storia del GruVillage, per un Festival che anche quest’anno è stato prodotto, gestito e finanziato dal Consorzio Esercenti di Shopville Le Gru che investe nella manifestazione una parte consistente del proprio budget annuale, secondo una linea di sviluppo basata sul concetto di “smart investiment”, per promuovere l’attività commerciale attraverso l’offerta di cultura, intrattenimento e servizi a sostegno del territorio.

Comunicato Stampa

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium