/ Cronaca

Cronaca | 18 luglio 2019, 16:32

Il bilancio del Cidiu è sostenibile e c’è l’accordo sindacale che prevede assunzioni a tempo indeterminato

L’ad Scolaro: “Sono dati che integrano gli obiettivi strategici e di business ma il gruppo guarda al futuro con un innovativo accordo che prevede contratti part-time verticali a tempo indeterminato”

Il bilancio del Cidiu è sostenibile e c’è l’accordo sindacale che prevede assunzioni a tempo indeterminato

Cidiu spa, società che gestisce la raccolta rifiuti nei 17 Comuni soci (Alpignano, Buttigliera, Coazze, Collegno, Druento, Giaveno, Grugliasco, Pianezza, Reano, Rivoli, Rosta, Sangano, San Gillio, Trana, Valgioie, Venaria e Villarbasse), ha presentato nella sede di via Torino a Collegno sia il bilancio di sostenibilità che l’accordo per il part-time verticale a tempo indeterminato, primo del settore in Italia.

“Sono dati che integrano gli obiettivi strategici e di business – ha detto Marco Scolaro, amministratore delegato di Cidiu – al forte impegno in termini di responsabilità sociale ed ambientale, e che raccontano concretamente il nostro impegno nel compiere scelte che abbiano ricadute positive in termini di salute e benessere per tutti; ma il gruppo guarda al futuro con un innovativo accordo sindacale che, per la prima volta in Italia nel settore igiene ambientale, prevede contratti part-time verticali a tempo indeterminato”.

La tutela del territorio è centrale, nel 2018 l’azienda ha effettuato circa 2.000 interventi per rimuovere abbandoni di rifiuti ed ha raggiunto il 65,8% nella raccolta differenziata; la progressiva sostituzione dei mezzi più inquinanti con quelli elettrici e a metano raggiungerà quest’anno il 30% del totale; nell’ultimo triennio il valore economico distribuito agli stakeholder ha registrato un incremento passando dai 35 milioni di euro del 2016 ai 37,6 del 2018; sono circa 3.000 gli studenti delle scuole del territorio coinvolti l’anno scorso in attività di educazione ambientale a testimonianza della fiducia riposta nel valore della formazione.

Il nuovo accordo sindacale è il frutto del percorso di trattativa con la Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu) ed i primi 10/12 contratti a tempo indeterminato verranno stipulati entro il 2019 attingendo dalla graduatoria in essere. Va ricordato che per garantire quotidianamente il servizio, Cidiu deve ogni anno reclutare 50/60 lavoratori a tempo determinato.

“Investiamo molte risorse nella selezione, formazione ed equipaggiamento dei lavoratori – ha spiegato il direttore generale di Cidiu Servizi Silvio Barbiera – portandoli ad acquisire una professionalità difficile da reperire sul mercato ed è un patrimonio che dispiace perdere; non essendoci le condizioni per trasformarli tutti a tempo indeterminato full time, pur avendone stabilizzati 34 nell’ottobre scorso, questo accordo darà continuità a risorse già qualificate grazie al part-time verticale ed avranno una corsia preferenziale per la trasformazione a tempo pieno”.

Col questa formula è previsto un impegno nei mesi di sostituzione ferie con un minimo di 5 mesi di lavoro su 12, e con la possibilità di ulteriori prestazioni in altri periodi dell’anno per sostituzioni in caso di aspettative, maternità, infortuni e malattie. “Il confronto costruttivo ha permesso di raggiungere un’intesa – hanno affermato i rappresentanti sindacali – che eviterà le esternalizzazioni o il ricorso al lavoro interinale garantendo occupazione stabile ed il riconoscimento di tutti i diritti contrattuali, compreso il premio di produttività; con l’auspicio di trasformarli in contratti full time”.

Massimo Bondì

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium