/ Cronaca

Cronaca | 13 luglio 2019, 21:49

Cade sul sentiero del ritorno dopo una gita in quota: trauma cranico per un 68enne di Grugliasco [FOTO e VIDEO]

Dopo aver effettuato un'escursione a 2300 metri con due amici nel territorio di Quincinetto, è scivolato lungo la discesa. Altre tre persone soccorse in Val Soana e un'altra sul Monviso

Cade sul sentiero del ritorno dopo una gita in quota: trauma cranico per un 68enne di Grugliasco [FOTO e VIDEO]

Si chiama R.E., di 68 anni, l'uomo originario di Grugliasco che nella giornata di oggi ha vissuto una brutta disavventura mentre portava a termine un'escursione con due amici sulla Cima di Bonze, a quota 2.300 metri, nel territorio del Comune di Quincinetto. Era ormai sul sentiero del rientro quando è caduto rovinosamente per circa quaranta metri su un terreno molto accidentato.

Nella caduta ha riportato un trauma cranico e altre contusioni, la cui gravità sarà da accertare al ricovero.

I compagni di gita hanno chiamato immediatamente la centrale operativa 112 che ha organizzato l'intervento dell'elicottero e di una squadra di terra a supporto, poiché nella zona erano persistenti molte nebbie assai fitte, benché molto mobili e quindi, qualora il velivolo non avesse potuto operare, era giocoforza trasportare il ferito a valle con altri mezzi.

La squadra dei volontari della Stazione di Ivrea della XII Delegazione Canavesana del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese è intervenuta, e trasportata in quota ed all'individuazione dei tre escursionisti è stata calata, insieme con il medico di bordo, per prestare le prime cure all'infortunato.

Fortunatamente la nebbia si è diradata e quindi le operazioni di recupero sono state compiute dai tecnici dell'elicottero.

Lo sfortunato escursionista dopo essere stato stabilizzato e posto sulla barella, insieme con il sanitario è stato verricellato a bordo dell'elicottero e di qui portato direttamente all'Ospedale San Giovanni Bosco di Torino. La squadra di terra è rientrata alla base con i propri mezzi.

Ma sempre nella giornata di oggi, in particolare nel pomeriggio, si sono resi necessari altri 3 interventi di carattere sanitario in Val Soana. Una donna con sospetta frattura a un arto inferiore è stata recuperata al Pian dell'Azaria da un mezzo fuoristrada del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese e consegnata ai famigliari a Campiglia Soana che hanno proceduto autonomamente verso l'ospedale. Contemporaneamente una minorenne ospite delle colonie estive di Pianetto ha perso i sensi ed è stata monitorata dal personale in costante contatto con la Centrale Operativa 118 fino al sopraggiungere dell'autoambulanza. Infine, in serata una donna con una crisi epilettica è stata soccorsa dalle squadre a terra in attesa dell'arrivo dell'eliambulanza dell'emergenza sanitaria.

In mattinata, infine, pochi metri sotto la cima del Monviso, un alpinista originario di Torino ha accusato un malore. È intervenuta l’eliambulanza dell'emergenza sanitaria, che, dopo il recupero dell’uomo, lo ha trasportato al Dipartimento di emergenza ed accettazione dell’ospedale Santissima Annunziata di Savigliano.

M.Sci

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium