/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 05 luglio 2019, 08:45

L’Italia è pronta ad ospitare la sede del Tribunale Unificato dei Brevetti (Tub)

Un altro passo in avanti a favore dello Sviluppo delle Idee e dell’innovazione

L’Italia è pronta ad ospitare la sede del Tribunale Unificato dei Brevetti (Tub)

Il Tribunale Unificato dei Brevetti, in conseguenza della Brexit, lascerà la sede originariamente prevista a Londra. Il 28 Giugno, nel corso di una riunione presso la Farnesina, la città di Milano e la regione Lombardia hanno confermato l’interesse ad ospitare la Sezione della Divisione Centrale del TUB.

La scelta dell’Italia è una grande opportunità per il nostro paese, ma è di fatto un riconoscimento del “peso” dell’Italia in tema di brevetti, in quanto è il paese europeo che nell'ultimo anno ha registrato il maggiore incremento nel numero di depositi di domande di brevetti europei (+4% ca.).

Inoltre poiché Milano è la città italiana che possiede i maggiori requisiti, sia per numero di brevetti, sia per la capacità d’innovazione e di attrazione di investimenti legati alla proprietà intellettuale, il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha preannunciato che a breve inoltrerà al Governo una formale candidatura della città di Milano come sede del TUB .

Il TUB (Tribunale Unificato dei Brevetti) è un Ente creato a seguito di un Accordo Intergovernativo tra alcuni Stati membri dell’Unione Europea (Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Polonia, Malta, Cipro, Grecia, Svezia, Danimarca, Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Slovenia, Portogallo, Austria, Romania, Bulgaria, Ungheria e Irlanda);

Finora il TUB non aveva ancora attivato la sua funzione a causa di alcuni problemi burocratici, ma in base agli accordi definiti il suo ruolo chiave sarà quello di tutelare le idee depositate attraverso il Brevetto unitario in tutti i Paesi aderenti al protocollo anziché per ogni singolo Paese, con un notevole risparmio di tempo e denaro.

Il brevetto unitario non sostituirà il Brevetto Europeo ma semplicemente affiancherà la tutela brevettuale oggi esistente a livello nazionale (in Italia presso l’UIBM Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) e a livello europeo (presso l’EPO Ufficio Europeo brevetti).

Adesso crediamo sia utile qualche informazione di base in tema di brevetti 

Con il termine Brevetto si distinguono, i brevetti per invenzione industriale (20 anni di validità), i Brevetti per modello di utilità (10 anni di validità) e i Brevetti per disegni o modelli (5 anni di validità con proroga ogni 5 anni fino a 25).

Brevetto Nazionale: l’efficacia è limitata al territorio Nazionale in cui viene presentata la domanda di tutela. Terminato il periodo di validità previsto dalla legge, il brevetto diventa di pubblico dominio e non può essere più rinnovato.

Brevetto Europeo: produce effetto in tutti gli Stati membri  aderenti alla EPC (Convenzione Europea dei Brevetti) individuati dal richiedente, a seguito del superamento di un esame di merito. La domanda dev’essere depositata presso la Camera di Commercio di Roma, che a sua volta la invierà all’UIBM, ottenuto il nullaosta, anche tramite silenzio/assenso, la domanda viene spedita all'EPO.

L’Intenzione di ospitare un dipartimento del TUB e la crescita esponenziale dei deposti delle domande di brevetto, è la dimostrazione che il nostro paese è aperto al mondo dell’innovazione, pertanto gli innovatori e le Micro Piccole e Medie Imprese italiane, hanno bisogno di un sostegno da 360° per lo sviluppo, produzione e distribuzione dei prodotti innovativi.

Novain è una società di servizi a sostegno degli innovatori e delle MPMI Italiane;

per ricevere una consulenza gratuita, inviare una mail a info@novain.eu o visitare il sito www.novain.eu

Informazione pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium