/ Cronaca

Cronaca | 04 luglio 2019, 14:29

Quattro medaglie per gli “Sbandieratori e musici” di Grugliasco all’Astiludio di Volterra

Adesso sono impegnati nella preparazione della tenzone bronzea di Ascoli del 7 luglio

Quattro medaglie per gli “Sbandieratori e musici” di Grugliasco all’Astiludio di Volterra

Nella suggestiva piazza dei Priori di Volterra, cuore della città medievale sulla quale si affaccia il maestoso palazzo omonimo che la incornicia e dal quale prende il nome, il più antico dei palazzi comunali toscani, si è svolto “Astiludio”, torneo federale di destrezza con le bandiere al quale ha partecipato l’associazione “Sbandieratori e musici” di Grugliasco due anni dopo aver preso parte ai giochi giovanili che si svolsero nella città pisana.

Al mattino ha preso il via la 13^ edizione di Astiludio giovani con le gare della prima fascia riservate ai bambini tra gli 8 e 10 anni, mentre nel pomeriggio il programma si è completato con le gare di seconda e terza fascia riservate ai ragazzi fino a 15 anni. Va ricordato, a testimonianza dell’alto livello qualitativo dei concorrenti, che tra i gruppi erano presenti la contrada ‘Il ponte’ di Forte dei Marmi, il gruppo storico di Megliadino san Vitale, la contrada ‘Monticelli’ di Quattro Castella, ‘Il magistrato’ delle contrade di Piancastagnaio ed i padroni di casa di Volterra; nonostante ciò il gruppo grugliaschese ha partecipato in quasi tutte le categorie portando a casa quattro medaglie: due di bronzo tra i singoli e tra le coppie di prima fascia, argento tra le piccole squadre di prima fascia e nuovamente bronzo nella gara dei musici di categoria.

In serata ha poi avuto luogo la 39^ edizione di Astiludio categoria assoluti: dopo il corteo storico, nella piazza illuminata che ha contribuito a creare un’atmosfera magica e a disegnarne i contorni, si sono svolte le gare relative agli esercizi singoli, seguiti dalle coppie e dalle piccole squadre, per concludersi con le spettacolari coreografie di bandiere, tamburi e chiarine (trombe in uso fin dall’epoca romana ma in particolar modo dal XVII e XVIII secolo ndr). Gli sbandieratori e musici grugliaschesi sono adesso impegnati nella preparazione della tenzone bronzea di Ascoli del 7 luglio per continuare a portare il nome della città fuori dai confini piemontesi.

Massimo Bondì

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium