/ Cronaca

Cronaca | 20 giugno 2019, 14:39

Grugliasco, biciclette per tutti con lo sconto grazie al progetto “ViVO” per incentivare la mobilità sostenibile

L’assessore Bianco: “Abbiamo deciso di allargare la fascia dei beneficiari degli incentivi destinati all’acquisto in linea con le politiche ambientali che stiamo promuovendo”

Grugliasco, biciclette per tutti con lo sconto grazie al progetto “ViVO” per incentivare la mobilità sostenibile

Nell’ambito del programma nazionale per la mobilità sostenibile casa–scuola e casa–lavoro c’è il bando del progetto ViVO (Via le vetture dalla zona ovest di Torino) che assegna contributi per l’acquisto di biciclette ad uso urbano e mira a diminuire gli spostamenti in auto: sono interessati i Comuni di Grugliasco, Alpignano, Buttigliera Alta, Collegno, Druento, Pianezza, Rivoli, Rosta, San Gillio, Venaria Reale e Villarbasse.

Il bando disciplina l’erogazione nell’ambito dell’azione “Bici per tutti” e quest’anno la somma a disposizione è di 45.000 euro, finanziata con fondi del ministero dell’Ambiente con l’obiettivo di ridurre l’inquinamento atmosferico che deriva dall’utilizzo massivo dell’automobile, promuovere la mobilità alternativa per tutte le categorie di utenti, incentivare l’utilizzo delle biciclette anche per spostamenti diversi da scuola e lavoro e creare una relazione positiva coi cittadini sui temi della mobilità sostenibile.

“Abbiamo deciso di allargare la fascia dei possibili beneficiari degli incentivi destinati all’acquisto delle biciclette – commenta l’assessore ai Trasporti Raffaele Bianco – per consentire a tutti i cittadini di poter prendere parte al progetto ViVO, in linea con le politiche ambientali che stiamo promuovendo a livello territoriale già da un anno a questa parte: destinare i fondi ai cittadini virtuosi è il nostro modo di passare dalle parole ai fatti in tema di politiche sostenibili”.

Nel bando viene precisato che per biciclette a pedalata assistita s’intendono i velocipedi dotati di un motore elettrico con potenza massima di 0,25 kw la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h; mentre per biciclette tradizionali ci si riferisce a quelle da città (city-bike), a quelle pieghevoli, minibici, gravel bike e mountain bike il cui uso non sia prevalentemente sportivo e il cui prezzo d’acquisto sia inferiore a 1.500 euro.

Possono beneficiare dei contributi i residenti dei Comuni interessati che sono estesi anche ai minori che abbiano compiuto i 6 anni: ad ogni richiedente ne sarà concesso uno solo ad eccezione del caso in cui l’acquisto sia per uno o più figli minorenni; sono esclusi coloro che ne hanno già beneficiato nell’ambito del medesimo progetto e l’entità dell’agevolazione è fissata al 50% della spesa effettivamente sostenuta, variando a seconda del tipo di bicicletta acquistata.

Il beneficiario s’impegna a far monitorare per due mesi i propri spostamenti attraverso un’applicazione sul proprio telefono o di un navigatore gps che permetta di scaricare una traccia; a rispondere a due questionari online realizzati dall’Agenzia e a far pervenire tutta la documentazione contabile ed amministrativa necessaria; a detenere il mezzo acquistato per almeno due anni. E’ possibile che vengano effettuati controlli sull’effettivo possesso della bicicletta e in caso di verifica negativa scatta la revoca del contributo con richiesta di restituzione dell’importo erogato. Per accedere ad ulteriori informazioni telefonare 011/4050606/4157961 e visitare il sito www.zonaovest.to.it.

Massimo Bondì

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium