/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 18 maggio 2019, 14:05

Candiani a Cuneo: tra auto in panne nel Tenda e divise 8 anni più giovani

Il saviglianese, candidato alle elezioni europee, ha preso parte alla visita cuneese del sottosegretario di Stato per l’Interno. “Ottimizzare il lavoro dei Vigili del Fuoco, a garanzia di uno standard elevato di servizi resi alla popolazione, assieme al prezioso e indispensabile lavoro dei volontari, che sono i presidi più vicini ai cittadini”

Candiani a Cuneo: tra auto in panne nel Tenda e divise 8 anni più giovani

Anche Marco Racca, il saviglianese candidato alle elezioni europee per la Lega, ha preso parte alla visita cuneese di Stefano Candiani, sottosegretario di Stato per l’Interno.

Abbiamo trascorso – racconta – un pomeriggio in caserma a Cuneo insieme al braccio destro di Matteo Salvini. Serve sensibilità e buon senso per ottimizzare il lavoro dei Vigili del Fuoco, a garanzia di uno standard elevato di servizi resi alla popolazione, assieme al prezioso e indispensabile lavoro dei volontari, che sono i presidi più vicini ai cittadini. I tempi di intervento sono infatti fondamentali. Serve capacità di ascolto: l’obbiettivo è quello di capire se i problemi locali e le soluzioni riguardino situazioni di ordine generale".

"Sul presidio del Tunnel del Tenda si registrano, fortunatamente, pochi interventi per incidenti, grazie al senso unico alternato, ma tanti interventi rapidi per auto in panne, evitando così il panico per automobilisti ed i rischi che, fuggendo spaventati dall'auto, respirino monossido di carbonio. Sull'anomalia tutta italiana delle troppe caserme in affitto abbiamo alti costi e, in otto o dieci anni, in alcuni casi si potrebbero comprare gli edifici ai privati che si rifiutano di fare i lavori di ammodernamento, oppure ancora consentire di farli scalandoli dai canoni. Occorre agire, a mio avviso, coordinando le scelte logistiche evitando la bandiera politica delle frettolose   dismissioni del patrimonio demaniale".

"Per quanto riguarda i presidi aeroportuali, diciamo ‘no’ a presidi con molti uomini, se poi non possono uscire dall'aeroporto ed agire sul territorio: vanificano la capacità di risposta. Le caserme devono essere presidi il più possibile vicino al cittadino. Racca sposa il metodo Candiani: ascolto, pensiero, azione”.

CPE

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium