/ Cultura

Cultura | 17 maggio 2019, 14:56

Nuova vita per Villa Melano, la "casa degli spiriti" di Rivoli vince la maledizione e sarà ristrutturata

Approvato il protocollo d’intesa. Dalla Regione Piemonte pronti 6 milioni di euro: l’immobile ospiterà un centro di ricerca con collaborazioni internazionali

Nuova vita per Villa Melano, la "casa degli spiriti" di Rivoli vince la maledizione e sarà ristrutturata

Semaforo verde per il recupero di un piccolo gioiello nascosto, nella primissima cintura di Torino. La Regione ha infatti approvato un protocollo d’intesa con la Città di Rivoli che definirà le modalità con cui verrà completata la ristrutturazione e stabilita la futura gestione del complesso di Villa Melano. Una casa nota soprattutto per le dicerie legate alla presenza di fantasmi, spiriti e maledizioni varie.

Il documento prevede la costituzione di un gruppo di lavoro tecnico che dovrà individuare le migliori soluzioni - e i relativi strumenti operativi - per completare i lavori di adeguamento e la valorizzazione dell’immobile e definirne le destinazioni d’uso.

Per quanto riguarda le future funzioni del complesso, questo potrà innanzitutto ospitare il Centro di Ricerca Castello di Rivoli, caratterizzandosi quindi come uno spazio dedicato alla ricerca nel campo dell’arte contemporanea, affiancando a questo la formazione, con alcune prestigiose istituzioni internazionali di alto profilo – in particolare statunitensi - che hanno già manifestato il proprio interesse a portare a Rivoli lezioni e corsi di specializzazione, e una parte degli spazi destinati alla ricettività.

Questo protocollo d’intesa si basa su due importanti presupporti: da una parte l’assegnazione alla Regione Piemonte da parte del CIPE, a fine 2017, di sei milioni di euro destinati a Villa Melano, dall’altra uno studio di fattibilità, commissionato dall’ente regionale, che, come già specificato, individua per il complesso una stretta collaborazione con il Castello di Rivoli, a partire dal Centro di Ricerca, con l’obiettivo di realizzare sulla collina di Rivoli un ampio polo dedicato all’arte contemporanea.

Come sottolinea l’Assessora regionale alla Cultura e al Turismo, Antonella Parigi, dunque, il provvedimento approvato dopo un percorso lungo e complesso pone finalmente basi solide, anche dal punto di vista finanziario, per completare i lavori e poter definire il futuro del complesso, che permetterà di costituire a Rivoli un ulteriore elemento che, a fianco del Museo di Arte contemporanea e alla nuova Collezione Cerruti, potrà ampliare ulteriormente l’offerta culturale cittadina e regionale mettendo insieme i temi della ricerca, dell’arte contemporanea e il patrimonio delle residenze reali sabaude.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium