/ Cronaca

Cronaca | 15 maggio 2019, 15:46

Grugliasco, per assistere gratuitamente i malati di Alzheimer e i loro familiari c’è il centro diurno “Oasi”

Ai disturbi cognitivi spesso si accompagnano anche seri problemi di comportamento e dell’umore che rendono difficile il compito di chi sta loro accanto: previsti incontri di sostegno il primo mercoledì di ogni mese

Grugliasco, per assistere gratuitamente i malati di Alzheimer e i loro familiari c’è il centro diurno “Oasi”

L’Alzheimer purtroppo riguarda ormai una considerevole parte delle persone anziane e di conseguenza delle famiglie: in piazza Matteotti a Grugliasco c’è villa Audifredi che ospita il centro diurno integrato “Oasi”, è gestito dalla cooperativa “Il margine” di via Cotta ed offre loro l’opportunità di partecipare gratuitamente il primo mercoledì di ogni mese agli incontri di sostegno a loro rivolti.

Questa malattia comporta una perdita della memoria inizialmente relativa al presente e poi gradualmente anche al passato, una diminuzione dell’attenzione, difficoltà nell’orientamento, nel linguaggio, nelle azioni quotidiane e nel pensiero. Ai disturbi cognitivi spesso si accompagnano anche seri problemi di comportamento e dell’umore che rendono difficile il compito di chi sta loro accanto; la demenza, soprattutto all’inizio, si presenta in forma subdola poiché difficilmente riconoscibile ed anche per questo i familiari si sentono spesso soli ed incompresi.

Ad ogni incontro sarà presente la psicologa che proporrà interventi psicoeducativi facilitando la condivisione dei vissuti ed è inoltre prevista della formazione da parte di vari specialisti. Sempre gratuitamente viene anche offerto, soprattutto ai malati in fase iniziale, l’ambulatorio di stimolazione cognitiva (memoria, attenzione, orientamento, linguaggio, capacità di calcolo e lettoscrittura) ogni giovedì mattina dalle 9.15 alle 10.30. E’ possibile accedere al centro sia in forma convenzionata tramite richiesta all’AslTo3 che privata; per accedere ad ulteriori informazioni o prendere appuntamento occorre telefonare al numero 011/7808317.

Massimo Bondì

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium