/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 11 maggio 2019, 07:45

Rivoli, lavoro e formazione tra le priorità. Bugnone: "Inserimento e incentivi"

Il candidato sindaco: "Vogliamo realizzare una città sempre più laboriosa e attrattiva"

Rivoli, lavoro e formazione tra le priorità. Bugnone: "Inserimento e incentivi"

“Vogliamo fare di Rivoli una città sempre più laboriosa e attrattiva, che metta al centro le persone e, allo stesso tempo, permetta di creare opportunità per chi lavora e per le aziende”: lo ha dichiarato il candidato sindaco Emanuele Bugnone durante l’incontro dedicato ai temi della formazione e del lavoro che si è svolto nei giorni scorsi.

"Per questo - ha aggiunto - nel nostro programma abbiamo voluto mettere in primo piano la volontà di incentivare la collaborazione tra la città, i centri per l’impiego e gli enti di formazione, per favorire una comunicazione più efficace tra cittadini e istituzioni e tra chi cerca lavoro e le aziende, ma anche per migliorare e aumentare i progetti di inserimento nel mondo del lavoro. Dal punto di vista delle aziende, invece, i temi centrali per noi sono quelli della rigenerazione urbana e dell'innovazione: vogliamo infatti rendere più attrattiva l’area industriale favorendo l’insediamento di imprese, in particolare quelle che operano nell'industria 4.0 e nelle nuove tecnologie, ma anche eventuali riconversioni di aree oggi dismesse”.

Un’attenzione particolare, poi, è dedicata alle nuove generazioni: “Per dare ai giovani lavoratori nuove opportunità, e la possibilità di rimanere sul nostro territorio, vogliamo anche favorire l'avvio di spazi di coworking” ha dichiarato infine Bugnone.

All’incontro è intervenuta anche Gianna Pentenero, assessore regionale al Lavoro, che ha dichiarato: “La Regione Piemonte in questi anni ha messo in atto una nuova strategia per l’occupazione grazie a un insieme di misure finanziate con i fondi europei per più di 60 milioni di euro che hanno coinvolto oltre 30 mila persone in percorsi di reinserimento sociale e lavorativo. Allo stesso modo abbiamo investito più di 170 milioni per migliorare, grazie alla formazione professionale, le competenze di giovani e meno giovani e per contrastare, in particolare, la disoccupazione giovanile. Abbiamo inoltre sostenuto aspiranti imprenditori e lavoratori autonomi interessati ad avviare una nuova attività estendendo a tutta la Regione il programma Mip-Mettersi in Proprio, che da giugno 2017 ad oggi ha permesso la nascita di quasi 400 tra nuove imprese e attività di lavoro autonomo nella nostra regione, di cui più di 200 nel territorio metropolitano di Torino. E abbiamo destinato 8,5 milioni per sostenere la nascita delle start up innovative. È fondamentale che nei prossimi anni si continui a coniugare la difesa dell’occupazione, dignitosa e di qualità, con politiche in grado di favorire sviluppo e attrarre investimenti”.

cpe

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium