/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 07 maggio 2019, 15:51

Grugliasco, l’incontro dei bambini col poeta lakota Gilbert Douville concluderà il progetto scolastico sui nativi d’America

Il 10 maggio allo Chalet Allemande nel parco culturale Le Serre dalle 10.30 alle 12

Grugliasco, l’incontro dei bambini col poeta lakota Gilbert Douville concluderà il progetto scolastico sui nativi d’America

Il 10 maggio allo Chalet Allemande nel parco culturale Le Serre di Grugliasco si concluderà, dalle 10.30 alle 12, il progetto didattico “Incontri con la preistoria e affinità con i nativi d’America” curato da Ivano Ciravegna e giunto all’undicesima edizione: è inserito nell’ambito della proposta formativa (Pof) rivolta alle scuole ed ha visto la collaborazione dell’associazione culturale Hunkapi di Genova e della “Rosebud Sioux tribe” del South Dakota.

Quest’anno gli incontri hanno avuto come filo conduttore le abitazioni nomadi, vale a dire come l’uomo si è riparato e rifugiato nel corso dei secoli. Terminati i laboratori e gli appuntamenti avuti nel corso dell’anno scolastico, oltre 160 allievi delle classi terze di quattro scuole primarie incontreranno il nativo americano Gilbert P. Douville che risponderà alle loro domande e racconterà significato, funzione e utilizzo di quella che i bambini evocano come la “tenda degli indiani”.

Douville nacque nel 1951 in South Dakota nei territori tradizionalmente abitati dalla tribù Sicangu Lakota (Sioux). Frequentò la scuola dell’obbligo nella riserva, a tredici anni si trasferì in Nebraska dove si diplomò in una scuola locale; si laureò in diritto penale e criminologia e furono diverse le esperienze personali e professionali che lo portarono a maturare una scelta di vita di stampo tradizionalista e la decisione di dedicarsi professionalmente all’artigianato della sua gente e alla poesia contribuendo così a preservarne la millenaria cultura.

Douville avrà anche l’occasione di descrivere la struttura del tipì, parola di origine lakota composta dal verbo ‘ti’ cioè abitare che, unito al plurale ‘pi’ significa ‘loro abitano’. “Abitazione adatta – dice Douville – al nomadismo del nostro popolo che trascorreva la propria vita migrando al seguito del bisonte da cui dipendeva la sopravvivenza”. Per accedere ad ulteriori informazioni occorre rivolgersi ai servizi educativi territoriali telefonando al numero 011/4013335.

Massimo Bondì

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium