/ Cronaca

Cronaca | 29 aprile 2019, 13:01

Grugliasco, i primi risultati del progetto “Chi composta un rifiuto trova un tesoro” promettono bene

Messo in campo in stretta cooperazione e sinergia tra Cados, Acsel e Cidiu: “Dalla collaborazione tra le nostre aziende già ottimi riscontri e la creazione dell’Albo”

Grugliasco, i primi risultati del progetto “Chi composta un rifiuto trova un tesoro” promettono bene

Sono arrivati i primi risultati del progetto “Chi composta un rifiuto trova un tesoro” per la promozione del compostaggio domestico in Val di Susa, Val Sangone e nella prima cintura nordovest del torinese: attivato nel 2018 dal consorzio Cados, da Acsel spa e da Cidiu Servizi spa che gestisce la raccolta rifiuti a Grugliasco. E’ un progetto messo in campo in stretta cooperazione e sinergia tra loro e pensato in favore dei Comuni soci per promuovere la pratica del compostaggio domestico; la frazione organica è preziosa e il compostaggio domestico permette di contribuire proattivamente alla raccolta differenziata, di arricchire il terreno e di fare del bene alla Terra risparmiando: per tutti un guadagno ambientale ed economico.

“Dalla collaborazione tra le nostre aziende – affermano l’amministratore unico di Cidiu Servizi Riccardo Civera e il direttore tecnico di Acsel Paolo Borbon – a quasi un anno dallo sviluppo del progetto sono già stati rilevati ottimi riscontri: è stato creato l’Albo compostatori a gestione unitaria che si sta arricchendo grazie alla documentazione che i Comuni inviano e negli ultimi mesi dell’anno scorso sono anche cominciati i controlli sugli iscritti”.

Fra i dati del progetto: 24 Comuni aderenti e 3 di prossima attivazione, 6.780 utenti iscritti all’Albo, 1.825 controlli effettuati fino ad oggi; nei primi Comuni che hanno attivato il progetto ad ottobre dell’anno scorso il valore della raccolta differenziata è già cresciuto grazie all’autocompostaggio e si sono registrati incrementi fino all’1,5% nelle aree in cui i cittadini hanno maggiormente aderito all’iniziativa. Sono numeri destinati a migliorare proporzionalmente alle adesioni, ulteriori informazioni sull’iniziativa sono disponibili sui siti www.cados.it, www.acselspa.it, www.cidiuservizi.to.it.

Massimo Bondì

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium