/ 

Che tempo fa

Cerca nel web

| 17 aprile 2019, 17:05

Una nuova spinta all'otorinolaringoiatria del Regina Margherita: tecnologia e ricerca donate dalle imprese del territorio

Confindustria Piemonte e Compagnia di San Paolo hanno contributivo rispettivamente con 50 e 160 mila euro. Sarà sviluppato un percorso di eccellenza per la diagnosi e la terapia di particolari patologie

Una nuova spinta all'otorinolaringoiatria del Regina Margherita: tecnologia e ricerca donate dalle imprese del territorio

Le imprese del Piemonte al servizio della salute infantile. È questo il cuore del fundraising che ha visto come beneficiario l'ospedale Regina Margherita di Torino, grazie al coordinamento delle imprese del territorio ad opera di Confindustria Piemonte e Compagnia di San Paolo.

Si tratta di due ingenti donazioni - 50 mila euro dal primo ente, 160 mila dal secondo - che vanno a finanziare rispettivamente una borsa di studio per una giovane ricercatrice e delle nuovissime apparecchiature per la videoendoscopia, capace di migliorare la gestione del paziente nelle fasi di esame e diagnostica, e nella successiva terapia chirurgica. A usufruirne, il reparto di otorinolaringoiatria diretto da Paolo Tavormina, che già dal mese di marzo vede all'opera il medico specialista nella sua attività di ricerca. "Grazie a queste implementazioni riusciremo a stare al passo con i progressi degli altri Paesi europei", ha dichiarato il direttore. Un contributo fondamentale per tutti quei piccoli pazienti che, spesso in età neonatale, devono essere sottoposti a interventi delicati a causa di patologie malformative o espansive a carico delle vie aerodigestive superiori. La frequenza dei casi è testimoniata dai numeri del 2018, ben 80 da zero a dieci anni.

"Vogliamo continuare a credere e investire nell'eccellenza del nostro ospedale infantile - ha dichiarato il direttore generale di AOU Città della Salute Silvio Falco -, soprattutto perché sarà un cardine del futuro Parco della Salute".

"Un'impresa - ha aggiunto Fabio Ravanelli, presidente di  Confindustria Piemonte - non dev'essere solo profitto, ma anche responsabilità sociale. Sostenere l'impegno di un giovane medico credo possa fare da scuola su come creare un valore condiviso". "La white economy - ha concluso - costituisce una delle chiavi di successo della sanità piemontese nei prossimi anni".

Alle donazioni delle imprese è arrivato anche il ringraziamento da parte di Walter Ceresa, presidente della onlus "Io sto con il Regina Margherita. "Una proficua collaborazione tra privato e pubblico - ha chiosato infine Franca Fagioli della Compagnia di San Paolo. "Nell'ultimo anno abbiamo erogato per Città della Salute 19 milioni di euro e riconfermiamo l'impegno per il nuovo Parco, sia uscita contributi sia mettendo a disposizione i nostri professionisti con le loro competenze".

 

Manuela Marascio

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium