/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 13 marzo 2019, 17:56

A Collegno arriva il momento dei colori, parte la Street Art

Sono ben sei i writer che regaleranno una nuova immagine alla città con la loro arte

A Collegno arriva il momento dei colori, parte la Street Art

La città di Collegno si rende bella grazie al lavoro dei vincitori del Bando Internazionale di Street Art, che ha premiato sei writers tra oltre novanta partecipanti, che, con le loro proposte e idee, faranno di alcuni luoghi di Collegno una espressione della loro arte.

“E’ un giorno importante per la nostra città che grazie alle opere che saranno realizzate dagli artisti vincitori del bando avrà un aspetto metropolitano ancor più moderno. Tutti i temi proposti sono suggestivi e offrono a ciascuno di noi la possibilità di osservare una testimonianza artistica di assoluto livello. L’arte di strada è ormai un’espressione culturale di altissimo livello ad altre espressioni culturali che già trovano spazio a Collegno da tempo – ha commentato il sindaco Francesco Casciano – . Il paesaggio urbano è un bene di tutti. Con questo progetto lavoriamo per rendere sempre più piacevole vivere a Collegno. L’arte urbana è uno straordinario motore culturale che emoziona e ci educa alla bellezza. Ciò che arricchirà Collegno è qualcosa di emozionante ed immediato, perché è l’arte ad esserlo”.

Nascono così nuovi murales realizzati dagli artisti che hanno ideato un tema che è divenuto oggetto della loro rappresentazione sui palazzi e luoghi pubblici collegnesi. Tra i primi ad iniziare i lavori di realizzazione c’è Greg Jager, che ha iniziato a muovere i primi passi nella street art nel 1997, e che ha fatto oggetto della sua arte il muro laterale di un palazzo in corso Francia 73. Colori intensi, in un incontro tra graphic design e spazi urbani, linee razionali di un design che, secondo lo stesso artista: “offre l’effetto ottico migliore se osservata da lontano, perché è come il comporsi di un arcobaleno”.

A dare il via alla sua arte sul suolo collegnese, però, c’è anche Geometric Bang, che ha iniziato il suo percorso artistico a soli quattordici anni e che dal 2006 ha partecipato a mostre ed eventi in Italia, Francia, Germania, Spagna, Russia, Cina e Sud Africa. Dettagli e precisione contraddistinguono il suo lavoro che punta ad esaltare colori, forme e texture, ponendo la sua attenzione su volti, mani, animali, piante, che convertirà in arte il muro situato in corso Francia 19.

Diana Tassone

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium