/ Economia e lavoro

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia e lavoro | 12 marzo 2019, 17:39

Collegno sostiene il lavoro: più di 1250 cittadini aiutati in tre anni

Lunedì il convegno per fare il punto sulle politiche attive per il lavoro

Collegno sostiene il lavoro: più di 1250 cittadini aiutati in tre anni

Sono oltre mille, per la precisione più di 1250, i cittadini che hanno ricevuto un aiuto concreto dal 2015 al 2018 per la ricerca del lavoro. Sono questi i risultati ottenuti dalle politiche attive per il lavoro messe in atto dall’amministrazione e presentati al convegno di lunedì 11 “Collegno sostiene il lavoro: strumenti, percorsi attivi e risultati”.

“Le politiche attive per il lavoro della città di Collegno presentano tanti progetti a misura di futuro proprio perché il lavoro è inteso come tema centrale per lo sviluppo del territorio e per la qualità della vita –, ha dichiarato il vicesindaco e assessore con delega al lavoro Antonio Garruto -. Esse consentono a chi cerca un’occupazione di attivarsi per cogliere le nuove opportunità del mercato: è possibile grazie a un supporto metodologico specializzato e attraverso strumenti e percorsi finalizzati alla ricerca attiva del lavoro che tengono conto delle competenze e delle inclinazioni personali. Vengono altresì sostenuti percorsi (attraverso il progetto Imprenditori in Collegno) per coloro che vogliono attivare un percorso di autoimpiego accompagnandoli nella loro progettualità imprenditoriale”.

I numeri complessivi, infatti, comprendono 8 progetti, 900 persone inserite in percorsi di orientamento e formazione, 5 nuove imprese, 160 lavori e attività temporanee, 110 tirocini attivati, 65 assunzioni a seguito dei tirocini.

“Ciò che fotografa questo convegno è la grande capacità di Collegno a essere terreno fertile e produttivo – ha sottolineato il sindaco Francesco Casciano –, in grado di attrarre sia gli interessi delle grandi aziende che scelgono di investire qui, sia di accompagnare le necessità di chi cerca un lavoro per la prima volta, di chi lo ha perso e deve rimettersi in gioco, sia di chi ha un mente un’idea e vuole realizzarla. Collegno è la città del lavoro e le politiche attive messe in atto ne sono l’espressione più positiva”

Diana Tassone

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium