/ Cronaca

Cronaca | 04 marzo 2019, 15:50

Grugliasco, alle Gru arriva il carnevale di beneficenza con “Maschera o dolcetto” per i bambini

Buffi maghi coi loro incantesimi, scultori di palloncini con creazioni colorate e pista di ghiaccio: domani dalle 10 alle 20

Grugliasco, alle Gru arriva il carnevale di beneficenza con “Maschera o dolcetto” per i bambini

Sfavillanti costumi da principesse e supereroi, squisiti dolcetti e simpatici scherzi domani condiranno, dalle 10 alle 20, il carnevale che arriva alle Gru di Grugliasco e verrà festeggiato con tante attività ludiche dedicate ai bambini.

I piccoli visitatori potranno trascorrere momenti spensierati tra musica e buffi maghi coi loro stravaganti incantesimi, ma avranno anche la possibilità di divertirsi giocando e mascherandosi nei loro personaggi preferiti, sfoggiando i loro costumi per tutto il giorno. Ci sarà uno spazio a disposizione per truccare i loro visi trasformandoli in simpatici animaletti o nei protagonisti delle loro fiabe più amate, ed alcuni scultori di palloncini li stupiranno con creazioni colorate.

Riprendendo il “dolcetto o scherzetto” di Halloween i bimbi mascherati gireranno gallerie e negozi per ottenere gustosi dolcetti e golose caramelle. Per quelli che vorranno pattinare nei panni di un pirata o di una fata ci sarà “Gru on ice”, pista di ghiaccio nella piazza centrale; il costo del biglietto, compreso l’affitto dei pattini, è di quattro euro. Uno dei quali contribuirà alla raccolta fondi in favore di “Insuperabili”, una onlus alla quale sarà devoluto che promuove le scuole calcio volte ad utilizzare questo sport quale strumento di socializzazione ed integrazione capace di migliorare la salute psicofisica, la soddisfazione personale e la qualità della vita dei ragazzi con disabilità cognitiva, relazionale, affettivo-emotiva, comportamentale, fisica e motoria.

Nel 2011 nacque l’idea di creare una scuola calcio, di cui Giorgio Chiellini è testimonial nazionale, con l’ambizione di agevolare la crescita e l’integrazione nella società dei ragazzi con disabilità individuando nello sport lo strumento ottimale. La filosofia che c’è alle spalle del progetto si fonda sulla voglia di mettersi in gioco e migliorarsi ogni giorno seguendo i principi etici di lealtà, sportività e correttezza per trasmettere passione ed emozione. La sede principale è a Torino, ma sono già operative anche quelle di Milano, Genova, Roma, Rieti e Siracusa; prevista l’apertura di altre sette scuole in altrettante regioni.

Massimo Bondì

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium