/ Sanità

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanità | 08 febbraio 2019, 17:17

Laboratori analisi area Ovest, c'è un nuovo piano. Saitta: "Valorizzata la rete territoriale dei nostri presidi"

Illustrata questa mattina la riorganizzazione che coinvolge anche Rivoli e Pinerolo. L'assessore regionale alla Sanità: "Mantenute le promesse. Tutto il personale continuerà a lavorare nelle sedi attuali e i servizi non saranno toccati". Ma la Uil non ci sta: "Decisione irricevibile"

Laboratori analisi area Ovest, c'è un nuovo piano. Saitta: "Valorizzata la rete territoriale dei nostri presidi"

Nella riunione della Giunta regionale di questa mattina, l’assessore alla Sanità Antonio Saitta ha illustrato il nuovo piano di riorganizzazione dei laboratori analisi dell’area Ovest torinese.

“Ho mantenuto l’impegno preso nelle scorse settimane, quello di presentare una nuova organizzazione per i laboratori dell’area che comprende l’Asl To3, il San Luigi di Orbassano e l’ospedale Mauriziano, anche in base alle analisi dei fabbisogni effettuate dai tecnici dell’assessorato” spiega l’assessore Saitta.

“Nel rispetto del piano complessivo di riordino dei laboratori – aggiunge l’assessore - abbiamo deciso di valorizzare la rete territoriale dell’area Ovest e di sfruttare le risorse e le apparecchiature di cui dispone: quindi, gran parte dell’attività definita “di routine” e dell’attività di urgenza sarà svolta presso i laboratori dell’Asl To3 e del San Luigi di Orbassano, mentre il Mauriziano continuerà ad occuparsi della propria attività ordinaria (routine e urgenza) e di una quota dell’attività di tutta l’area”.

“Tutto il personale impiegato nei laboratori continuerà dunque a lavorare nelle sedi attuali. Ricordo inoltre come la riorganizzazione non riguarderà in alcun modo i servizi offerti ai cittadini, che saranno mantenuti nel numero e nella dislocazione attuale: nell’area Ovest torinese sono in funzione 100 punti prelievo territoriali e 60 punti ospedalieri, una rete che in questi anni è stata rafforzata grazie al potenziamento degli investimenti sull’assistenza territoriale e sulle Case della Salute”.

Ma i primi commenti dal mondo sindacale non sembrano sposare la linea delll'assessorato regionale alla Sanità: "Speravamo davvero in un dietrofront della regione sui laboratori analisi, invece ci ritroviamo con l'ennesimo compromesso politico che, inutile dirlo, non ci soddisfa per nulla - dicono i rappresentanti della Uil FPL -. Purtroppo, il clima in regione si sta arroventando a causa delle elezioni regionali, ma a noi questi "contentini" non bastano: vogliamo che nulla cambi e che i nostri servizi di eccellenza rimangano immutati, a tutela dei lavoratori e dell'utenza". "Il trasferimento di parte delle attività dell'ASL TO3 al San Luigi di Orbassano non è stato stralciato, permane tuttora a detta dello stesso assessore Saitta - continuano i sindacati -: questa decisione rimane per noi irricevibile. Non indietreggeremo un centimetro su questo punto".

“Il fatto che il personale della ASL To 3 rimanga al suo posto non è una garanzia di lunga durata. Se gli esami verranno spostati verso altri ospedali, infatti, è facilmente ipotizzabile che anche il personale, in futuro, faccia la stessa fine - afferma l’onorevole Daniela Ruffino di Forza Italia -. Noi ci siamo schierati fin dall’inizio per evitare qualsiasi tipo di spostamento perché pensiamo che laboratori in cui sono stati investiti 3,5 milioni di euro negli ultimi anni siano assolutamente capaci di reggere la mole di lavoro che arriva dal territorio. In più pensiamo che proprio i servizi del territorio vadano privilegiati. I laboratori della ASL To 3 non vanno ridimensionati e toccati”.

comunicato stampa

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium