/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 10 gennaio 2019, 15:55

Rivoli, l'aula del "Darwin" dove morì Vito Scafidi diventa un nuovo spazio per gli studenti. Bussetti: "7 miliardi per la sicurezza delle scuole"

La nuova aula polifunzionale prende il nome di "Ventidue novembre" per ricordare la data della tragedia, avvenuta nel 2008. Il ministro dell'Istruzione presente stamattina all'inaugurazione

Rivoli, l'aula del "Darwin" dove morì Vito Scafidi diventa un nuovo spazio per gli studenti. Bussetti: "7 miliardi per la sicurezza delle scuole"

È stato inaugurato oggi, alla presenza del ministro dell’istruzione Marco Bussetti, il nuovo spazio polifunzionale per gli studenti del Liceo scientifico "Charles Darwin" di Rivoli denominato “Ventidue Novembre”, predisposto nell'aula che il 22 novembre del 2008 fu teatro della tragica morte dello studente Vito Scafidi, causata dal crollo di un controsoffitto.

"La sicurezza è stata da subito una priorità di questo Governo - ha detto il ministro - infatti abbiamo reso disponibili 7 miliardi di euro". "Oggi - ha poi proseguito Bussetti - sono qui per ricordare Vito, per ricordare una tragedia che ha distrutto la vita di tante persone. Ma le scuole italiane non sono insicure: devono essere certificate e messe a norma".

La scuola ha scelto di non utilizzare l’aula "22 novembre" per le lezioni, ma di dedicarla ad attività per gli studenti, realizzando uno spazio polifunzionale. I lavori di messa in sicurezza sono stati eseguiti dalla Città metropolitana, dopo il dissequestro dei locali: si è trattato di rifare pavimenti, sottofondi e impianto elettrico (per adattarlo alla nuova destinazione d’uso) e di realizzare una doppia apertura a vetri per dare maggiore visibilità e riconoscibilità al locale e per  renderlo più facilmente accessibile; la decorazione è stata realizzata su indicazione della scuola, che ha predisposto un progetto a cura degli studenti. Gli arredi sono stati acquistati dalla scuola.

La trasformazione di questo spazio fa parte di un programma di realizzazione di aree polifunzionali per gli studenti (alcuni già realizzati, altri in  progetto nell'ambito degli appalti futuri) per creare ambienti utili allo svolgimento di attività di gruppo, di studio, extrascolastiche eccetera, al fine di rendere l’edificio scolastico più accogliente e adatto alla permanenza dei ragazzi anche al di fuori del tempo strettamente dedicato alle lezioni.

"L’inaugurazione di quest’aula ha una doppia valenza", ha detto la consigliera metropolitana con delega all'istruzione Barbara Azzarà, leggendo una lettera della sindaca Chiara Appendino: £Rendere ancora più forte la memoria di quanto accaduto dieci ani fa e di Vito, a cui va il nostro pensiero, e far rinascere un luogo dove studenti e studentesse faranno nascere idee, progetti, collaborazioni e, perché no, anche sogni che verranno realizzati".

redazione

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore