/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 08 gennaio 2019, 17:30

Alpignano, ecco i vincitori del concorso "Il presepe, oggi"

Promosso e organizzato dall’associazione Amici dell’ecomuseo Sogno di Luce in memoria di Giovanni Mattutino

Alpignano, ecco i vincitori del concorso "Il presepe, oggi"

Sono stati premiati nei giorni scorsi i presepi in concorso presso l’ecomuseo Sogno di Luce di Alpignano. L’evento, promosso dagli Amici dell’Ecomuseo, in memoria di Giovanni Mattutino, aveva per tema “Il Presepe, Oggi”. Ai partecipanti si era chiesto di interpretare la Natività ai tempi moderni: al mondo tecnologico e dei social, a come viene vista oggi la famiglia, le nuove fedi e dove la velocità ci rende sempre più incapaci a dialogare.

Non è stato facile per la giuria valutare i presepi. Marina Baudraz, Mario Broglino, Paola Buso, Matteo Migliaccio MMAB studio e Davide Stroscia hanno premiato le tre categorie in cui era suddiviso il concorso: Associazioni, Privati e Scuole.

Oltre alla giuria si è tenuto conto anche dei voti espressi dai visitatori: ben 702.

Per la Categoria Associazioni, la giuria popolare ha premiato l’associazione Comitato Genitori.

Il presepe premiato solleva molti temi della contemporaneità come l’individualismo, l’eccessivo attaccamento a beni e prodotti materiali e la confusione di valori effimeri e spesso contrastanti. Ha raccolto 468 voti su 702.  Nella Categoria Privati la giuria popolare ha scelto il presepe di Sonia Antoniazzi con 413 voti su 702.

 

La giuria dell’Associazione Amici dell’ecomuseo ha così scelto: terzo classificato il presepe di Ludovica Sollazzo e Giorgia Monti. Il tema del viaggio è stato sapientemente reinterpretato, con ironia, all’interno di un camioncino rosa che in qualche modo richiama il tema dello spostarsi e del trovare un luogo dove vivere.

Al secondo posto, Irene Agulli: la cura del prossimo e i legami familiari rappresentano una parte fondamentale nella natività, allo stesso modo oggi le difficoltà di vivere in un luogo ospitale con i propri cari in certe occasioni è un desiderio, a volte solo un sogno. E’ importante ricordarsi che anche oggi ci sono presepi reali, come nel caso dei viaggi della speranza e delle difficoltà che questa parte di umanità vive tutt’oggi.

Primo premio ad Aurora Sarracino; la giuria spiega così la scelta “si è scelto di premiare con il primo premio la proposta, ironica e a tratti trasgressiva di impiegare il presepe come palinsesto sul quale inserire una quantità di dispositivi tecnologici e simboli della pubblicità digitale. Un presepe ormai fagocitato dalle dinamiche frenetiche dell’era digitale, come accade a ciascuno di noi, spesso senza rendercene conto”.

Nella Categoria Scuole la giuria popolare ha votato per la Scuola Gramsci con 371 voti. 

La giuria dell’Associazione Amici dell’ecomuseo ha invece scelto:

Terzo classificato l’Asilo nido Don Minzoni. “Il terzo premio è stato assegnato non principalmente per il risultato estetico, ma piuttosto per il metodo e il significato della costruzione, nettamente più incisivo. La scelta di interpretare il presepe non come un’opera d’arte da comporre ma come un’operazione di condivisione di momenti è, nella sua semplicità, un’operazione oggi radicale”.

Il secondo premio è andato all’I.C. Tallone: l’idea di trasporre la scena della natività in una fabbrica immaginaria rispecchia alla perfezione il contesto contemporaneo post industriale, con forti radici nel territorio. Le condizioni precarie del lavoro in fabbrica trova molti nessi con le difficoltà descritte nella scena del presepe.

Al primo posto la scuola Turati. La giuria ha così motivato la scelta: “Il primo premio è stato assegnato per la capacità di reinterpretare il significato più profondo del presepe: quello dell’accettare un nuovo arrivo. Trasporre la natività classica nei luoghi più tristi del nostro quotidiano consente di restituirle una forza di comunicazione nuova. La possibilità di insegnarci ancora qualcosa”.

I premi sono stati in parte donati dalle attività commerciali presenti sul territorio: Gelateria Via Mazzini, Cose Belle – Swarovski, Cartolibreria Ufficio In e Cartolibreria Cartando.

Paolo Giordanino

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium