/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 04 gennaio 2019, 15:40

Quasi 12.000 euro dal Cisap all’Emporio solidale di Grugliasco per aiutare i più fragili

Il sindaco Montà: “La sensibilità verso ciò che avviene nelle famiglie con disagio va coniugata all’ascolto e all’azione per consentire a tutti di avere le giuste attenzioni”

Quasi 12.000 euro dal Cisap all’Emporio solidale di Grugliasco per aiutare i più fragili

Il Consiglio d’amministrazione del Cisap (Consorzio intercomunale dei servizi alla persona) di Grugliasco e Collegno ha erogato quasi 12.000 euro all’Emporio solidale di Grugliasco e, attraverso di esso, alla parrocchia di san Cassiano per le attività d’aiuto ai cittadini in condizioni di fragilità e precarietà economica: viene data loro la possibilità di effettuare una spesa solidale di generi di prima necessità, con un valore attribuito in base al numero dei componenti della famiglia e al valore dell’Isee.

Da molti anni il Cisap sostiene e valorizza la solidarietà sociale delle associazioni di volontariato che operano sul territorio, lavora in sinergia e in collegamento con tutte le realtà del territorio ed intende promuovere e integrare le proprie attività sociali con gli interventi nel privato sociale in una logica di sussidiarietà e complementarietà col sistema pubblico. E l’Emporio risulta essere una risorsa importante perché aiuta a dare risposte ai bisogni delle famiglie in una logica di comunità accogliente.

“La sensibilità verso ciò che avviene nelle famiglie con disagio – ha detto il sindaco di Grugliasco Roberto Montà – nella vita di persone sole, anziani e minori, di chi ha perso il lavoro, la casa, i riferimenti affettivi ed economici, va coniugata all’ascolto e all’azione per consentire a tutti di avere le giuste attenzioni”.

Il Cisap prese avvio 23 anni fa per volontà dei due Comuni che hanno scelto la forma istituzionale del consorzio per continuare a gestire i servizi socio assistenziali in modo associato, come già avveniva fin dal 1983. Ciò ha consentito negli anni di realizzare un ampliamento degli investimenti sia sul piano delle risorse finanziarie e professionali razionalizzando ed ottimizzando il loro uso rispetto al bacino operativo. Il presidente del Cda è Michele Mellace e consiglieri sono Francesca Cuzzocrea e Antonio Marzola, non percepiscono compenso né rimborso spese e il loro impegno no profit è al servizio della comunità con la priorità di avvicinare il consorzio ai cittadini, ai loro bisogni e necessità.

Massimo Bondì

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore