/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 31 dicembre 2018, 18:05

Una folla commossa al funerale dell'ex sindaco di Borgaro Barrea, Gambino:"Con la tua scomparsa mi sento ancora più solo"

Nella chiesa dei Santi Cosma e Damiano decine di amministratori, tra cui il Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, la sindaca di Torino Chiara Appendino e il Segretario Metropolitano del Pd Mimmo Carretta

Una folla commossa al funerale dell'ex sindaco di Borgaro Barrea, Gambino:"Con la tua scomparsa mi sento ancora più solo"

Gremita la chiesa parrocchiale dei Santi Cosma e Damiano a Borgaro per il funerale dell’ex sindaco Vincenzo Barrea, morto il 29 dicembre all’età di 52 anni a causa di un arresto cardiaco. A portargli l’ultimo saluto decine di amministratori pubblici con la fascia tricolore, tra cui il Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, la sindaca di Torino Chiara Appendino e il Segretario Metropolitano del Pd Mimmo Carretta.

A tratteggiare delicatamente la figura di Barrea le parole dell’attuale sindaco di Borgaro Claudio Gambino. “Ho messo – ha detto in chiesa– quella che chiamavi la cravatta da battaglia, ho provato a fare il nodo come mi hai insegnato tanti e tanti anni fa, ma di sicuro non è venuto bene con la fossetta al centro come volevi tu.” Gambino ha poi ripercorso la vita politica e non vissuta insieme, dai “giri in macchina per le strade di Borgaro per vedere se i lampioni erano a posto e l’erba tagliata”, a “quell’irrazionale passione per la Juve che ci ha fatto fare 24 ore di macchina per arrivare a Manchester e vedere Montero sbagliare il rigore decisivo.” “Mancherà a me la tua figura, -ha aggiunto Gambino - con cui confrontarmi nei momenti difficili. Perché come mi hai insegnato quando fai il sindaco sei un uomo solo: io oggi con la tua scomparsa mi sento ancora più solo.”

Un ricordo speciale -a margine della funzione - arriva dall’ex sindaco di Borgaro Giuseppe Vallone, “padre” politico di Barrea. “Nel 1992-1993 –racconta -conobbi Vincenzo: iniziammo a vederci qualche volta e io gli chiesi se era interessato a dedicarsi alla politica.” “Da lì –prosegue l’ex primo cittadino- abbiamo iniziato un percorso molto bello. Prova ne è che nel 1995 io lo nominai assessore all’ambiente, nonostante non fosse stato eletto.” Una strada politica che i due hanno percorso assieme, fino all’elezione a sindaco di Borgaro di Barrea nel 2004. “Lui –continua Vallone- era il mio “figlio” politico: scherzosamente a volte diceva venga a parlare con il mio padre “putativo””.

A rendergli l’ultimo omaggio anche il sindaco di Venaria Roberto Falcone:”Al di là del colore politico, ci accomunava il fatto di essere sempre presenti sul territorio e portare avanti le istanze della propria gente. “ “Vincenzo Barrea era una persona particolarmente determinata:  si è fatto amare dalle persone e porteremo sempre con noi il suo ricordo.”, conclude Falcone.

Cinzia Gatti

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore