/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | martedì 04 dicembre 2018, 17:12

Collegno ripercorre la storia della Legge 180 raccontando l'esperienza di Franco Basaglia

Uno spettacolo riporta quelle vicende così lontane nel tempo, ma vive nel ricordo, in quattro serate alla Lavanderia a Vapore: dal 5 all'8 dicembre

Collegno ripercorre la storia della Legge 180 raccontando l'esperienza di Franco Basaglia

Sono passati 40 anni dal 13 maggio 1978, data importante in cui venne promulgata la Legge 180. Una legge che porta il nome di Franco Basaglia, un dottore che prima di vedere era in grado di sentire il dolore di chi vive tra le mura di un manicomio. Un momento che Collegno non smette mai di ricordare, soprattutto in un luogo simbolico come la Lavanderia a Vapore dell'ex ospedale psichiatrico, uno tra i primi, con il sindaco Manzi, ad abbattere le mura di cinta che lo circondavano nel 1977, anticipando così la legge che diede il via ad un lungo percorso per restituire dignità  alla persona.

La storia di un'impensabile liberazione che parte dalla vita di Franco Basaglia, le cui esperienze vengono accolte e narrate proprio all'interno di un luogo che tutto quel dolore lo ha vissuto, i cui muri sono stati testimoni silenti di attimi che non possono essere dimenticati. Prodotto dal teatro stabile del Friuli Venezia Giulia, (Tra Parentesi) è lo spettacolo di e con Peppe Dell'Acqua e Massimo Cirri, con la regia di Erika Rossi, che racconta una storia che iniziò la mattina del 16 novembre 1961, quando Basaglia, allora 37enne, entrò nel manicomio di Gorizia. Disorientato da ciò che vide, il nuovo direttore provò inizialmente il desiderio di andarsene, un impulso che non seguì ma che diede  inizio alla possibilità  di cambiare le cose. La sua storia viene narrata quindi in uno spettacolo che ripercorre, grazie anche allo psichiatra e scrittore Peppe Dell'Acqua, le vicende che portarono alla Legge Basaglia, che permise di cambiare il volto dei manicomi.

Sono passati quarant'anni dall'approvazione in Parlamento, in un'Italia scossa dall'assassinio di Aldo Moro, della Legge 180 che stabilì la nascita della riforma psichiatrica, la chiusura degli ospedali psichiatrici e che ridisegnò lo statuto giuridico dei malati di mente. Un lungo percorso che permise di mettere tra parentesi la malattia raccontato da Peppe Dell'Acqua e Massimo Cirri che, tra mille intrecci e storie di uomini e donne, dialogano tentando di colmare il vuoto della memoria con "(Tra parentesi). La vera storia di un'impensabile liberazione". Lo spettacolo, che rientra nel quadro della collaborazione fra TPE e la Fondazione Piemonte dal Vivo, andrà in scena mercoledì 5 dicembre alle 21 alla Lavanderia a Vapore, per essere poi riproposto in altre repliche giovedì 6, venerdì 7 e sabato 8 dicembre.

Diana Tassone

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore