/ Viabilità e trasporti

Che tempo fa

Cerca nel web

Viabilità e trasporti | domenica 02 dicembre 2018, 14:40

Collegno valorizza il suo patrimonio ambientale con la pista ciclopedonale

In consiglio comunale approvata la delibera sulla realizzazione di un impianto di derivazione idroelettrica nella bealera vecchia di Lucento e sulla pista ciclopedonale che collegherà Collegno e Torino

Collegno valorizza il suo patrimonio ambientale con la pista ciclopedonale

Riscoprire la città di Collegno con un'opera di compensazione ambientale. Il comune ha infatti ottenuto la realizzazione di un collegamento ciclopedonale, di circa 790 metri di lunghezza per 2,5 metri di larghezza fra la città di Torino e il Parco della Dora.

La delibera, approvata lo scorso consiglio comunale, prevede la realizzazione di un impianto di derivazione idroelettrica presso la bealera vecchia di Lucento, con due turbine che nell'anno idrologico medio produrranno circa 3,013 GWh di energia elettrica, e della pista ciclopedonale lungo l'asse del fiume Dora Riparia. "Un'enorme soddisfazione l'aver visto la fine del percorso per due progetti - ha spiegato l'assessore Enrico Manfredi -, che ho seguito con passione come un cardine del mandato di questa amministrazione, entrambi di durata triennale, nel tempo previsto".

Il Fiume Dora Riparia sempre più protagonista, dunque, dal momento che è stata approvata all'unanimità  anche la delibera inerente l'istituzione della gestione della zona naturale di salvaguardia della Dora.

"Questo patrimonio ambientale rappresenta il più prezioso bene naturalistico in ambito urbano e di bassa valle della Dora - ha dichiarato il sindaco di Collegno Francesco Casciano -. Collegno ha sviluppato un grande lavoro di coinvolgimento di tutti i comuni che insieme possono manutenere e valorizzare questo luogo prezioso per tutto il sistema metropolitano. Invito i cittadini a scoprire le bellezze del Parco, a piedi o in bici a pochi metri dalla città si apre un mondo affascinante tra le sinuosità del fiume, i colori dei boschi ripariali e una fauna che ti sorprende".

Diana Tassone

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore