/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 30 novembre 2018, 16:22

Collegno, approvata la delibera di istituzione della gestione della zona naturale di salvaguardia della Dora Riparia

Un passo importante per il mandato amministrativo della città che si avvicina alla sua conclusione

Collegno, approvata la delibera di istituzione della gestione della zona naturale di salvaguardia della Dora Riparia

 

Zona naturale di salvaguardia della Dora Riparia, un passo importante per il mandato amministrativo della città che si avvicina alla sua conclusione. Durante l'ultima seduta del consiglio comunale, infatti, è stata approvata la delibera inerente l'istituzione della gestione della zona naturale di salvaguardia della Dora Riparia, il cui coordinamento, come ha spiegato l'assessore all'ambiente collegnese Enrico Manfredi "Farà capo al comune di Collegno".

Il tratto fluviale copre una lunghezza di circa 26 chilometri, dal confine di Collegno, lungo corso Marche, a quello di Avigliana e il territorio, che interessa nove comuni (Collegno, Almese, Alpignano, Avigliana, Buttigliera Alta, Caselette, Pianezza, Rivoli e Rosta) ha una superficie complessiva di 1913.70 ettari. La Convenzione di gestione, stipulata e sottoscritta tra i nove comuni, ai sensi dell'art. 30 del Testo unico degli Enti Locali, interverrà sulla fruizione e attività  didattica, sulla dotazione e rete dei servizi (punti sosta e ristoro, agriturismo, noleggio biciclette, ecc.), sulla conservazione e incremento di biodiversità  e complessità  ecologica, sulla gestione forestale, il recupero e riqualificazione paesaggistica e naturalistica, sulla produzione e distribuzione di materiale informativo e divulgativo, la rete dei percorsi ciclopedonali, la manutenzione del territorio, la tutela e riqualificazione degli spazi agricoli, la possibilità di elaborare ed "affermare" il logo e l'immagine della fascia fluviale e sulla maggiore possibilità di accesso a finanziamenti.

 

Diana Tassone

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore