/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | giovedì 08 novembre 2018, 17:54

La magia di Castellamonte si mette in mostra a Venaria con stufe e opere d’arte (FOTO)

Apre alla Reggia “Ceramiche d’arte”, con la produzione artigianale di Castellamonte e le opere che hanno partecipato al concorso dell’ultima Mostra della Ceramica. La curatela è di Giuseppe Bertero e Giovanni Cordero

La magia di Castellamonte si mette in mostra a Venaria con stufe e opere d’arte (FOTO)

Le ceramiche di Castellamonte in mostra. La Reggia di Venaria, fino al 14 gennaio 2019, ospiterà la preziosa produzione degli artigiani castellamontesi nell’ambito dell’esposizione “Ceramiche d’arte”, curata da Giuseppe Bertero e Giovanni Cordero. Oltre alle stufe, i caminetti e altri oggetti d’arredo, si trovano anche le opere presentate al concorso “Ceramics in love”, in occasione della 58a Mostra della Ceramica di Castellamonte.

Stando ai reperti archeologici e ai documenti storici, la lavorazione dell’argilla nella zona di Castellamonte è testimoniata già da 4000 anni. I ceramisti locali, nel corso del tempo, hanno trasformato la loro produzione artigianale in una vera e propria realtà industriale. E così le stufe, i caminetti Franklin, le stoviglie, le statue, i decori architettonici e gli utensili per l’industria chimica, ma anche i refrattari speciali, i laterizi e gli oggetti d’arte sono gli elementi principali di una produzione conosciuta a livello internazionale. Una realtà antichissima, tramandata di generazione in generazione, che viene celebrata nell’ex residenza reale sabauda dopo essere state protagoniste all’ultima mostra della ceramica, in attesa della futura realizzazione di un museo dedicato nelle sale storiche di Palazzo Botton, a Castellamonte.

Poi c’è il concorso. 125 artisti sono stati invitati da Giuseppe Bertero a esprimersi sul tema, con 140 opere esposte a Palazzo Botton, al Centro Congressi Martinetti e al Liceo Artistico Statale “Felice Faccio” (sempre a Castellamonte). Tra tutti gli artisti, sono stati scelti tre vincitori, che insieme ad altri 11 vedranno le proprie opere esposte alla Reggia insieme alle storiche stufe di Castellamonte. I vincitori sono stati Roberto Perino, Giacomo Lusso & Carlo Sipsz e Nadia Allario.

I ceramisti premiati, come hanno dichiarato i curatori, hanno dimostrato un interesse per la ricerca plastica espresso con originali forme espressive. Inoltre avrebbero cercato di superare le difficoltà tecniche esecutive utilizzando soluzioni definite “affascinanti”, con una notevole capacità narrativa. Sembra aver davvero trionfato l’amore, inteso come dedizione al proprio lavoro e interesse per l’attualità dei contenuti dell’arte, ma anche passione per la ceramica.

Per informazioni: www.lavenaria.it

Paolo Morelli

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore