/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | martedì 06 novembre 2018, 17:33

Rivolimusica, 18 candeline e tutte le sfide della "maggiore età", compreso l'applauso del pubblico

Ufficializzati i 41 appuntamenti del nuovo cartellone, tra cui un concerto che scommette sul crowdfunding

Rivolimusica, 18 candeline e tutte le sfide della "maggiore età", compreso l'applauso del pubblico

Rivolimusica spegne 18 candeline e si appresta, parola del Direttore Artistico, Andrea Maggiora, ad essere un'edizione con importanti novità. Ufficializzato il cartellone di proposte per la stagione 2018/2019, con progetti innovativi al suo interno come il concerto "su richiesta" e conferme di proposte già conosciute e molto apprezzate dal pubblico come i MaP (aperitivo con l'artista) e il Family Concert della domenica pomeriggio, un'offerta pensata apposta per le famiglie.

"Il nostro obiettivo è coinvolgere il più possibile tutte le fasce d'età, nessuna esclusa - precisa Maggiora - e per riuscire in questa impresa abbiamo cercato di presentare al nostro pubblico idee originali, che tenessero conto in primis della qualità proposta e soprattutto ricercando la varietà migliorando la divulgazione per ottenere la partecipazione di un pubblico sempre più vasto e partecipe".

In tutto sono 41 gli appuntamenti, di cui 29 concerti che, grazie alle partnership con il Teatro Fassino del Comune di Avigliana, il BTT(Balletto Teatro di Torino) e i MaP in vari locali della provincia, hanno portato RivoliMusica ad essere un progetto con orizzonti sempre più larghi non confinati solo al territorio iniziale. Un progetto itinerante che per i prossimi 3 anni ha come traguardo quello di coinvolgere un numero sempre maggiore di enti e di città per cooperare e ad arrivare all'ambizioso fine di proporre un cartellone stagionale unico culturale/musicale.

Tra le novità proposte c'è anche il filone "Musica dal Mondo", un appuntamento che presenterà un viaggio lungo i suoni dei paesi extraeuropei portando in  questo progetto note musicali dal Mediterraneo, Iran, Brasile, Burkina Faso e il duo che proporrà l'originale fusione tra Tunisia e India. Confermati quindi i MaP, appuntamenti con gli artisti intervistati da giornalisti esperti del settore in un clima informale, seguendo la formula della "modalità aperitivo" dove una chiacchierata informale ma ben strutturata porteranno il pubblico ad essere coinvolto e ad interagire cogliendo le sfumature più intime del progetto e permettendo di abolire quella barriera che esiste tra pubblico e rappresentazione.

Ad inaugurare la stagione sarà il Trio Debussy che porterà sul palco, grazie alla stretta collaborazione con Paolo Conte, "Confusion mentale fin de siècle" facente parte del progetto Paolo Conte Chamber Music. Si proseguirà con altri nomi illustri del calibro di Emanuele Arciuli e Andrea Rebaudengo con il loro pianoforte; Troversi-Coscia che racconterà mescolando parole e musica l'amicizia tra Umberto Eco e Gianni Coscia; Dan TepferPeyman Yazdanian, pianista e celebre compositore di colonne sonore per numerosi registi italiani.

Quest'anno l'appuntamento si concluderà il 29 giugno con un concerto che ha una grande ambizione: l'autofinanziamento. Attraverso l'ormai nota piattaforma di crowdfunding Musicraiser e una campagna di diffusione che sarà resa nota e svelata a marzo/aprile 2019, Rivolimsica cerca di ottenere da parte del pubblico quella riconoscenza e quella fiducia da parte del pubblico promuovendolo a spettatore attivo e con potere decisionale. "Una cospicua somma iniziale sarà versata dal Comune di Rivoli che da sempre crede nelle proposte di Rivolimusica - dice Laura Ghersi, assessore alla Cultura di Rivoli - per il resto aspettiamo il riscontro dal pubblico". E aggiunge Gigi Giancursi, organizzatore degli eventi, "abbiamo sempre più bisogno dell'approvazione del pubblico, sarà lui a decidere se il concerto si farà, sarà come chiedergli un "atto di fiducia", d'altronde sono gli spettatori i nostri veri giudici".

Virginia De Meo

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore