/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | mercoledì 31 ottobre 2018, 16:11

Da Beppe Gandolfo a Darwin Pastorin: grandi firme per "Libri in Luce" 2018 ad Alpignano

Appuntamento dal 9 all'11 novembre con un calendario fitto di eventi

Da Beppe Gandolfo a Darwin Pastorin: grandi firme per "Libri in Luce" 2018 ad Alpignano

È tutta dedicata ai sentimenti e alle pagine che li contengono la quarta edizione di Libri in Luce, la festa del libro in programma al Movicentro di Alpignano dal 9 all’11 novembre: ciascuno dei 23 incontri in programma sarà introdotto da un titolo che combinerà due sentimenti diversi ma legati ai libri presentati. Amore, gioia, ispirazione, allegria e fiducia, ma anche sconforto, abbandono, rabbia, rimpianto e vendetta: assieme ad altre decine di sentimenti traggono tutti ispirazione dal celebre taglio del mantello operato da San Martino, che si celebra proprio domenica 11 novembre.

Libri in Luce è una rassegna, sotto la direzione artistica dei giornalisti Salvo Anzaldi e Chiara Priante, che per tre giorni consecutivi richiama scrittori, giornalisti e artisti e li invita a presentare i rispettivi lavori. La presenza degli editori offre al pubblico la possibilità di visitare stand ricchi di ogni tipo di volume: da quelli appena usciti ai best seller, da quelli legati al territorio e alla storia piemontese a quelli che richiamano il tema dell’edizione di quest’anno.

Come tradizione, la mattinata di venerdì 9 novembre è dedicata alle scuole e conterà sulla presenza di due giornalisti di valore assoluto: Darwin Pastorin illustrerà ai ragazzi la sua “Lettera a un giovane calciatore”, mentre Franco Borgogno parlerà di “Un mare di plastica”, quello che inquina le nostre vite e necessita oggi più che mai di un robusto argine. 

Alle 18 l’inaugurazione di Libri in Luce sarà dedicata all’amore. Non poteva essere altrimenti: prima la prolusione della professoressa Carla Ricci sull'amore nella letteratura, un breve ma intenso viaggio da Paolo e Francesca a Montale. Poi la lectio magistralis - intitolata “É una gioia e una sofferenza. L’amore visto al cinema, l’amore visto dal cinema" - di Gabriele Molinari, avvocato e consigliere regionale, grande cultore di cinema. Molinari, 43 anni, delegato alla Consulta Regionale dei Giovani, ha dimostrato una spiccata sensibilità quest'anno ideando il corso, promosso dal Consiglio Regionale del Piemonte, dell'educazione sentimentale a scuola, una rialfabetizzazione emotiva proposta ai ragazzi di quinta superiore. Un progetto unico in Italia che guarda alle relazioni, in amore e in amicizia.

Sabato 10 novembre la cerimonia di premiazione delle “Maestre del cuore” di Alpignano avrà come madrina la professoressa Elena Accati e farà da prologo alla presentazione del primo dei quaderni dell'Ecomuseo Cruto e, a seguire, del libro di Teresa Scalzo che permetterà di affrontare il tema delle tradizioni legate al territorio valsusino. Torino sarà invece il filo conduttore dei volumi di Elena Occleppo, Fabio Balocco e Osvaldo Vernero che apriranno il pomeriggio, seguiti da quelli di Clara Caroli e Roberta Bonara e dalle loro storie legate al cuore. Sempre nel pomeriggio, Claudio Marinaccio, Aharon Quincoces e Ugo Splendore introdurranno storie di kamikaze e improbabili quanto irresistibili vendicatori, seguiti dai diari di guerra e dai cervelli in viaggio di Ugo Lucio Borga, fotoreporter di guerra, e Lodovica Gullino, prima donna a ricevere titolo di titolo di "Fellow" dalla Società Internazionale di Patologia Vegetale. I Rudi Mathematici e Matthew Waters incanteranno la platea con la forza ipnotica dei numeri e introdurranno l’appuntamento conclusivo della giornata, quello con Olimpia Orioli, cittadina onoraria di Alpignano. A lei - che da 30 anni attende giustizia per la morte del figlio, Luca Orioli, ucciso a Policoro nel 1988 - il compito di parlare del dolore e di come superarlo, partendo dal suo libro "Dal naufragio al volo", edito da Laterza quest'anno.

Domenica 11 novembre toccherà ai laureati di Alpignano ricevere un riconoscimento sullo sfondo della graphic novel di Salvatore Renna che ricorda la figura di Rosario Livatino, il “giudice ragazzino” ucciso dalla mafia nel 1990. La mattinata proseguirà nel segno del giallo con i libri di Barbara Sessini, Giovanni Floccari e Mario Catania, mentre mistero e viaggi caratterizzano quelli di Nazzareno Lasagno e Mariapaola Perucca. I ricordi sono il filo conduttore del primo pomeriggio con la presentazione dei volumi di Valeria Massa, Giuseppina Valla e Maria Concetta Di Stefano, che faranno poi spazio a Marco G. Di Benedetto, Patrizia Durante, Maurizio Blini e l’universo misterioso di Torinonoir. Dopo questa parentesi dedicata ai gialli, Beppe Gandolfo, volto storico del Tg5, accenderà un focus tutto granata con i suoi libri su Emiliano Mondonico e Gigi Meroni, due personaggi che a proposito di sentimenti hanno molto da raccontare. Poi due volumi  sull’epopea immortale di Fausto Coppi, in attesa del centenario della nascita nel 2019, e un simpatico derby in lingua piemontese tra Toro e Juventus. La chiusura dell’edizione 2018 di Libri in Luce sarà quindi affidata alle “maestre d’Italia” di Bruna Bertolo, un viaggio dalle maestrine dalla penna rossa alle insegnanti dei nostri giorni, e al saluto del presidente del Consiglio regionale del Piemonte, Nino Boeti.

Anche quest’anno la Festa del Libro è organizzata da Lettera Ventitré in collaborazione con il Comune di Alpignano.

M.Sci

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore