/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 31 ottobre 2018, 16:27

Trasporti pubblici sotto la lente d’ingrandimento della commissione consiliare di Grugliasco

La presidente dell’Agenzia regionale mobilità Nigrogno: “Il contratto con Gtt non prevede che sia l’Agenzia a decidere, può individuare degli indirizzi che però non sono vincolanti”

Trasporti pubblici sotto la lente d’ingrandimento della commissione consiliare di Grugliasco

Si è riunita ieri sera la Commissione consiliare lavori pubblici di Grugliasco per fare il punto sulla situazione dei trasporti legati ai collegamenti con Torino e all’interno del territorio comunale. E’ stata l’occasione per incontrare la presidente dell’assemblea di bacino dell’Agenzia regionale per la mobilità Licia Nigrogno e i due ingegneri di Gtt Guido Nicolello e Claudio De Consoli.

“L’agenzia nasce dai Comuni che la compongono – ha spiegato Nigrogno – ed il suo organo esecutivo è formato dai rispettivi sindaci. Ma il contratto con Gtt non prevede che sia l’Agenzia a stabilire le tariffe, può semmai individuare ed indicare degli indirizzi che però in nessun modo sono vincolanti. Va pure precisato che purtroppo il fondo nazionale trasporti, fonte dei contributi, eroga i soldi in base ad un parametro storico stabilito decine d’anni fa e non a quelli tecnici, senza quindi tener conto delle reali esigenze di territorio”.

Sono 564 i milioni di euro che da Roma, attraverso il fondo nazionale, giungono in Piemonte, e di questi 3,5 a Grugliasco; tenendo altresì presente che rispetto a tale somma il Comune si fa carico in proprio di 475.000 euro. “Grazie a questi fondi – ha detto Nicolello – è possibile rinnovare la flotta con mezzi nuovi che in buona parte sono ancora a gasolio (Euro 6) e che solo gradualmente verranno scalzati da quelli elettrici a causa del loro costo tuttora esorbitante, quasi il doppio: un autobus di 12 metri elettrico costa circa 400.000 euro a fronte di uno a gasolio della stessa lunghezza che ne costa 200/220mila”.

Ma stanno cambiando le modalità di finanziamento che agevoleranno gli acquisti grazie a nuovi progetti coperti al 90%. “Siamo freschi reduci da una riunione al Ministero dei trasporti – ha aggiunto De Consoli – che presto partorirà un piano autobus nazionale che rivolge l’attenzione verso quelli elettrici che già compaiono in alcuni Comuni quali Venaria, Moncalieri ed Orbassano”.

Un post su Facebook del gruppo consiliare M5S di due settimane fa lamentava disservizi relativi alla linea 76 che collega Grugliasco e Collegno ponendo soprattutto l’accento sul subappalto da parte di Gtt alla ditta di trasporti Miccolis col benestare dell’amministrazione grugliaschese. “A parte il Comune di Torino – ha voluto precisare l’assessore ai Trasporti Raffaele Bianco – che ha il potere d’incidere sulle decisioni di Gtt in quanto azionista del gruppo, tutti gli altri Comuni di bacino non hanno voce in capitolo e non possono fare nulla in merito, per cui è scorretto sostenere il contrario. Inoltre occorre sottolineare che la ditta in questione si è aggiudicata l’appalto vincendo un regolare bando pubblico”.

“E’ circa un anno e mezzo che discutiamo – ha concluso Nigrogno – per cambiare questo stato di cose raccogliendo i pareri che giungono dal Comitato tecnico e per indirizzare le decisioni seguendo parametri connessi al fabbisogno della popolazione, alla sua densità ed all’economia attraverso un’analisi di costi e benefici: per ora inutilmente poiché la nostra proposta è stata bocciata dall’Assemblea dei bacini”. Va peraltro ricordato che da quest’anno gli studenti di Grugliasco godranno delle stesse agevolazioni tariffarie concesse a quelli torinesi.

Massimo Bondì

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore