/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | lunedì 22 ottobre 2018, 16:21

Venaria, la storia d’Italia dalla De Amicis al Teatro Concordia (VIDEO)

Partono gli appuntamenti di “Venaria ricorda”, con due mostre, spettacoli e iniziative dedicate alla Grande Guerra. Due eventi alla parrocchia san Francesco, chiusura il 4 novembre

Venaria, la storia d’Italia dalla De Amicis al Teatro Concordia (VIDEO)

C’è la Scuola De Amicis di Venaria, ma c’è anche il Teatro Concordia. Per la “Reale”, questa settimana sarà la storia al centro delle iniziative che si terranno sul territorio, con particolare attenzione alla storia del Paese e al futuro degli studenti. Perché ha preso il via, alla De Amicis, il programma di “Venaria ricorda…”, una mostra con esposizione del Bollettino della Vittoria del Generale Armando Diaz.

“I simboli dell’Europa – ha commentato il sindaco, Roberto Falcone, presente stamani all’inaugurazione – della pace e dell’Italia sventolati dai bambini della De Amicis sono un bellissimo inizio di settimana. È anche l’inizio di ‘Venaria ricorda…” e del percorso che ci porterà a celebrare tutti insieme il 4 novembre 1918: la fine di una grande e dolorosissima guerra per ricordare che di guerra non ne vogliamo più e che il nostro Paese deve essere sempre protagonista nei percorsi di pace”. Gli alunni della scuola produrranno dei piccoli progetti che saranno esposti e premiati domenica 4 novembre al Teatro Concordia (ore 17).

Nel frattempo, la Pro Loco di Venaria presenterà un progetto dal titolo “Venaria Reale ricorda il MCMXVIII”, allestito nella sala espositiva comunale di via Mensa 34, che dal 25 ottobre al 4 novembre affronterà il tema della Grande Guerra. Ci saranno cimeli storici e anche il libro ufficiale sulla guerra, “Non chiamatelo fiume”, realizzato dal Ministero della Difesa e dal Miur. In esso, è contenuto anche l’elenco dei caduti venariesi. Ci saranno poi due appuntamenti alla parrocchia San Francesco, il 27 ottobre e il 3 novembre alle 21, con spettacoli che intendono dare voce ai protagonisti di quel conflitto.

Paolo Morelli

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore