/ Viabilità e trasporti

Che tempo fa

Cerca nel web

Viabilità e trasporti | mercoledì 10 ottobre 2018, 16:05

Tutti d'accordo per condividere un passaggio in auto: Collegno alza il pollice con "Co&Go"

Al via in città e in altri Comuni della zona Ovest di Torino il progetto transfrontaliero che vuole diffondere l'uso dei veicoli "raggruppando" le persone che compiono lo stesso percorso quotidianamente

Tutti d'accordo per condividere un passaggio in auto: Collegno alza il pollice con "Co&Go"

Condividere l'auto per un risparmio economico che agevola anche l'ambiente. La nuova formula della mobilità sostenibile porta il nome di Co&Go, il neonato progetto finanziato dal Programma di Cooperazione transfrontaliera Italia Francia ALCOTRA 2014-2020. Lo sviluppo sostenibile che propone un'esperienza interessante non solo per i cittadini dei comuni coinvolti, ma anche per la qualità dell'aria.

Promosso dalla Città Metropolitana con il Patto Territoriale Zona Ovest, il Comune di Leinì, Auvergne-Rhone-Alpes Energie Environnement di Lione e Chambéry métropole Coeur des Bauges di Chambéry, il progetto propone il Car-pooling. Sinonimo di innovazione, infatti, Co&Go, acronimo di Condivisione e Governance, punta a migliorare la qualità  della vita dei cittadini e lo sviluppo sostenibile proponendo l'uso condiviso di un'automobile privata tra le persone che devono percorrere il medesimo tragitto per andare, per esempio, al lavoro o a scuola. Brevi distanze quindi per un progetto innovativo che si pone come obiettivo  non solo un nuovo stile di vita per i cittadini, ma anche la salvaguardia dell'ambiente e lo smaltimento del traffico, consentendo di risparmiare carburante e risorse economiche a chi decide di usare questa nuova formula di condivisione che durerà tre anni.

Ad essere coinvolti da Co&Go saranno quindi anche gli undici comuni della zona Ovest, Alpignano, Buttigliera Alta, Collegno, Druento, Grugliasco, Pianezza, Rivoli, Rosta, San Gillio, Venaria Reale, Villarbasse. Le città francesi coinvolte hanno creato delle isole di incontro, ovvero delle vere e proprie fermate, dove chi è regolarmente iscritto al progetto può recarsi per avere un passaggio. Un servizio che si integra dunque al trasporto pubblico per favorire un comportamento virtuoso da parte dei cittadini.

Nei prossimi mesi, tra ottobre e dicembre, il comune di Collegno avvierà una indagine sulle abitudini e la disponibilità a praticare il car-pooling, agendo sul target dei lavoratori di un'area industriale, acquisendo così gli elementi per procedere all'analisi e alla realizzazione del progetto pilota. Un tentativo contemporaneo di cooperazione, soprattutto in vista del fatto che proprio tra qualche giorno verranno messe in atto alcune misure emergenziali con l'introduzione del blocco delle auto.

Diana Tassone

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore