/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | martedì 09 ottobre 2018, 07:32

Alpignano, il consiglio comunale rinnova la convenzione per la bealera di Rivoli

Servirà anche per le acque di scolo di zona Colgiansesco ed ex Olivotto

Alpignano, il consiglio comunale rinnova la convenzione per la bealera di Rivoli

Rinnovata la convenzione tra Comune di Alpignano e Consorzio delle Bealere di Rivoli: l’accordo, che va confermato ogni cinque anni, permette al Comune di usufruire dei canali di proprietà del consorzio per lo smaltimento delle acque bianche, in particolare in zona Colgiansesco e nell’area ex Olivotto. La convenzione si rende necessaria perché in tali aree non è mai stato previsto un sistema di smaltimento delle acque meteoriche. 

Una funzione a cui non è preposta la bealera, che uno scopo irriguo. Infatti durante il consiglio comunale la consigliera Cristina Bertello, di Alpignano SiCura ha così commentato: “Sebbene la convenzione sia necessaria, è triste pensare che un’opera storica e importante come le nostre bealere, che esistono dal 1300, siano utilizzate come canale di scolo per una zona dove a suo tempo si è guardato solo all’interesse nell’elargire assurde concessioni edilizie, senza nemmeno preoccuparsi di costruire un impianto di smaltimento delle acque bianche”.

In sede di rinnovo della convenzione, tra l’altro, il Consorzio ha fatto presente le proprie difficoltà nel procedere alla pulizia dei canali in particolare in aree laddove si è costruito a ridosso delle bealere: “Ciò è proibito espressamente nella convenzione stessa”, ha affermato l’assessore Morra di Cella. “Laddove possibile interverremo nel ripristino degli spazi necessari per la manutenzione. Per questo, per esempio, la recinzione della scuola Turati che affaccia sul canale sarà arretrata di quattro metri”. 

La delibera è passata grazie ai voti dei gruppi SiAmo Alpignano, Alpignano SiCura e Movimento Cinque Stelle. Astenuti i consiglieri di Articolo Uno.

Paolo Giordanino

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore