/ 

Che tempo fa

Cerca nel web

| venerdì 15 giugno 2018, 07:08

Proteste e corteo dei genitori in Barriera di Milano: “Non vogliamo spostare i nostri bambini alla scuola Benedetto Croce”

La struttura presenterebbe uno stato di potenziale insicurezza: la proposta è quella di trasferire le cinque classi nell’edificio di corso Novara

Proteste e corteo dei genitori in Barriera di Milano: “Non vogliamo spostare i nostri bambini alla scuola Benedetto Croce”

La Scuola Primaria Salvo D’Acquisto di via Tollegno versa in situazioni ormai complicate: la struttura è invecchiata e presenta i primi cedimenti, sintomo di una potenziale insicurezza per quanto riguarda la sua vivibilità. Ma, soprattutto, è la Normativa Antisismica a creare preoccupazione, come rivelato dalla perizia dei Tecnici comunali.

Per tale motivo, la proposta avanzata da parte dell’assessorato all’Istruzione è stata quella di trasferire le cinque classi della stessa nell’edificio della Benedetto Croce di corso Novara, in attesa di ricevere le graduatorie di un bando regionale cui la prima ha partecipato per trovare le risorse utili a ristrutturare la scuola. Soluzione cui, però, i genitori sono fermamente contrari. Come hanno dimostrato oggi pomeriggio, nel corso di un corteo che ha ripercorso la strada che intercorre tra le due scuole primarie e ha manifestato il forte disagio, attraverso proteste e cartelli di diniego.

La soluzione proposta sarebbe provvisoria – spiega la presidente della Circoscrizione 6, Carlotta Salerno – e propedeutica alla riorganizzazione della scuola Salvo D’Acquisto. I genitori, tuttavia, si oppongono, e la Circoscrizione si impegna ad accompagnarli nella ricerca di una decisione alternativa”. Che si tenterà di individuare in un secondo incontro con l’assessora all’Istruzione Federica Patti, in cui si cercherà di capire se sussistono dei margini di valutazione – che non prevedano lo spostamento vero e proprio – e, soprattutto, le risorse per ristrutturare l’edificio.

I genitori, infatti, richiedono, all’Amministrazione Cittadina, un congelamento/annullamento del provvedimento – ufficioso – di chiusura, e, contestualmente, di far avviare regolarmente il nuovo anno scolastico 2018/2019 presso il plesso scolastico originario “Salvo D’Acquisto”, “anche con i cantieri aperti, come è sempre successo nel passato, anche recente. Vogliamo evitare l’ennesima “chiusura per lavori” e il conseguente rischio di abbandono di una scuola considerata, fin dalla sua inaugurazione, la “perla” di Torino”, ha spiegato il genitore Stefano Pisanu.

Perciò, “ho chiesto una Interpellanza Consiliare per avere l’attenzione che il problema merita – ha aggiunto quest’ultimo – e il Presidente Fabio Versaci mi ha assicurato e confermato che si sarebbe fatto carico personalmente del problema”.

 

Monitoreremo la questione affinché i bambini possano svolgere al meglio le attività scolastiche, nelle sedi stabilite dalle discussioni e dai confronti effettuati con i genitori. Nel frattempo, cercheremo di sollecitare i tempi dei lavori, in modo che la struttura possa tornare a essere usufruita nel più breve tempo possibile”, ha chiosato la coordinatrice alla Cultura della Circoscrizione 6, Isabella Martelli.

Roberta Scalise

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore