/ 

Che tempo fa

Cerca nel web

| giovedì 14 giugno 2018, 19:58

Tutti i numeri di Open House Torino

Oltre 15.000 visitatori nello scorso weekend. The Number 6, la Nuvola Lavazza e il Grattacielo Intesa Sanpaolo gli spazi più visitati

Tutti i numeri di Open House Torino

In un weekend infuocato come quello appena trascorso, in cui la città è stata capitale dell'auto, del food e dell'architettura, Open House Torino ha registrato un incremento di 3000 visitatori rispetto al 2017: più di 18.000 persone hanno visitato i 140 spazi aperti dalla seconda edizione della manifestazione, per un totale di 55.000 visite (l'anno scorso erano stati 15.000 visitatori per 37.000 visite).

Cos'hanno amato di più i torinesi e quali sono stati gli spazi più visitati? Il podio è occupato dalle architetture contemporanee più famose di Torino: il Piano Nobile di The number 6, la casa più bella del mondo, che ha ricevuto oltre 3.000 visitatori, la Nuvola Lavazza, con oltre 1.800, e il grattacielo di Intesa Sanpaolo, con oltre 1.500, tutti con prenotazione obbligatoria. Tra gli edifici a ingresso libero, sono stati molto amati gli esordienti Palazzo Coardi di Carpeneto, gioiello barocco di Amedeo di Castellamonte affacciato su Piazza Carlina, l'ufficio con pista da skate 515 Giardino Segreto, oasi verde dietro la Gran Madre; chiudono la Top Ten degli spazi più visitati, Casa Zen, Casa Hollywood e l'NH Collection Piazza Carlina, tutti con oltre 1.000 visitatori a testa.

Anche nei social Open House Torino ha ottenuto un bel successo: su Instagram, l'hashtag #openhousetorino si è inserito tra i più utilizzati dell'anno nel network Open House, superando quello di numerose città con una tradizione Open House ben più lunga e consolidata e ottenendo oltre 3.900 citazioni.

"Quando 3 anni fa ho deciso di portare Open House nella nostra città, non pensavo che il successo sarebbe stato così grande, così immediato. Già l'anno scorso, all'edizione di lancio, Torino ha risposto benissimo a questa manifestazione. I numeri di questa seconda edizione ci stimolano a fare sempre di più, sempre meglio. Sono il segnale che c'è voglia di scoprire i lati meno conosciuti della città, e che un numero straordinariamente alto di persone è interessato all'architettura. Questo fatto deve farci riflettere sull'importanza di preservare con cura il patrimonio non solo storico ma anche moderno e contemporaneo dell'ambiente costruito, e su quanto è fondamentale raccontare a tutti Torino come città aperta, accogliente, piena di meraviglie e curata nei dettagli. Vorrei infine ringraziare tutti, di cuore. Soprattutto chi con generosità ci permette di realizzare questo magnifico evento che appassiona così tanti cittadini" commenta Luca Ballarini, il presidente dell'Associazione Open House Torino.

L'appuntamento con la Terza edizione di Open House Torino è per l'8 e 9 giugno 2019.

#openhousetorino

c.s.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore