/ Scuola e formazione

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuola e formazione | mercoledì 30 maggio 2018, 15:17

Alpignano, flash mob di maestre diplomate a rischio licenziamento

L'evento è stato organizzato da un gruppo di genitori dell’Istituto comprensivo per dire #Io sto con la maestra. Sono circa 20 in città gli insegnanti in bilico

Alpignano, flash mob di maestre diplomate a rischio licenziamento

Iniziativa di protesta ad Alpignano da parte dei lavoratori della scuola per sensibilizzare i cittadini sulla questione dei 60mila diplomati magistrali che rischiano il licenziamento dalla scuola a seguito di una sentenza del Consiglio di Stato che esclude dalle "graduatorie ad esaurimento" i diplomati magistrali non in ruolo che hanno conseguito il titolo entro il 2001-2002.

Nella mattinata di oggi, martedì 29 maggio, docenti insieme ai genitori ed ai bambini, hanno inscenato un flash mob in piazza dei Caduti, per denunciare le responsabilità di chi, nel corso degli anni ha svenduto la qualità della scuola pubblica, e dato origine al precariato scolastico.

#Io sto con la maestra è lo slogan che un gruppo di genitori dell’Istituto Comprensivo delle scuole primarie Turati e Matteotti ha scelto per offrire solidarietà alle maestre che rischiano di perdere il posto di lavoro. “ll Flash Mob di ieri mattina in piazza Caduti – spiega Mariangela Mazzone portavoce delle maestre - ha voluto simboleggiare un momento di condivisione in cui i genitori, alunni ed insegnanti, hanno dimostrato che c'è ancora chi crede in una scuola "giusta e sana", basata sui valori e diritti che dovrebbero sempre essere salvaguardati”. 

Ad Alpignano sono circa 20 gli insegnanti della scuola primaria che rischiano il posto di lavoro.

In particolare i docenti di scuola primaria, lottano non solo per tutelare il loro posto di lavoro messo a rischio da un "cognome sbagliato" (sì perché i licenziamenti, secondo l’iter giudiziario, verrebbero suddivisi secondo un criterio alquanto discutibile e cioè secondo un ordine alfabetico per cognome, ndr), ma soprattutto per garantire il diritto alla continuità didattica dei propri alunni. Durante il flash mob alcuni bambini hanno letto pensieri in libertà dedicati ai loro insegnanti.

Della vicenda sui diplomati magistrali in Italia se ne sta occupando anche la Commissione UE e a breve dovrebbe esprimersi in merito. Una ultima, flebile, speranza al fine di evitare il più grande licenziamento di massa nel pubblico impiego.

Paolo Giordanino

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore