/ 

Che tempo fa

Cerca nel web

| venerdì 18 maggio 2018, 17:32

Premiazione vincitori della 37esima edizione del Progetto di storia contemporanea

Giovedì 24 maggio, alle 10.30, nell’aula del Consiglio regionale a Palazzo Lascaris

Giovedì 24 maggio, alle 10.30, nell’aula del Consiglio regionale a Torino, a Palazzo Lascaris, si concluderà con la premiazione delle studentesse e degli studenti vincitori la 37esima edizione del Progetto di storia contemporanea, indetto dal Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale in collaborazione  con l’Ufficio scolastico regionale del Piemonte.

E’ l’ultimo atto, con la consegna degli attestati da parte del presidente del Consiglio regionale, di un lavoro di mesi, intenso e di grande qualità che ha coinvolto, come accade ormai dal lontano 1981, centinaia di ragazze e ragazzi,  decine di docenti, gli uffici del Consiglio regionale, gli esperti degli Istituti storici piemontesi.

Anche in questa edizione sono stati tre i temi di ricerca:  il 70° anniversario della Costituzione Italiana, entrata in vigore il 1° gennaio 1948 dopo 18 mesi di lavoro dai 556 costituenti eletti con il referendum del 2 giugno 1946 (scelta dal 23,5% dei partecipanti)  la guerra di Spagna che, dal 1936 al 1939, prefigurò il secondo conflitto mondiale, con il suo carattere di “guerra totale” (preferita dal 53,5% degli studenti) e infine, la lezione culturale e morale di don Lorenzo Milani, maestro della scuola di Barbiana, la piccola frazione di Vicchio, paesino toscano nella valle del Mugello, divenuta famosa dopo la pubblicazione, nel maggio 1967, della rivoluzionaria “Lettera ad una professoressa” (indicata dal 23 % delle ragazze e dei ragazzi).

I lavori pervenuti sono stati valutati da un’apposita commissione regionale, composta da docenti ed esperti di storia contemporanea degli Istituti storici del Piemonte.Questi ultimi hanno provveduto a selezionare gli elaborati, formulando la graduatoria di merito e individuando i 25 gruppi vincitori composti da 125 studentesse e studenti.

Questi ultimi hanno partecipato, accompagnati dai loro insegnanti, ai viaggi di studio che hanno avuto come mete Trieste (la Risiera di San Sabba, la Foiba di Basovizza e il sacrario di Redipuglia); l’Austria (i lager di Mauthausen e Gusen); la Germania con la visita al Museo della Resistenza tedesca di Berlino e ai campi di concentramento di Ravensbruck e Sachsenhausen.

Va ricordato come il Piemonte, oltre ad essere stata la prima regione in Italia a stabilire, con un’apposita e specifica  legge - quarantadue anni fa, nel 1976 -  l’istituzione di un comitato per la difesa e l’affermazione dei valori della Resistenza e della Costituzione, è stata anche tra le prime realtà a promuovere progetti di studio sulla storia contemporanea, coinvolgendo decine di migliaia di studenti medi piemontesi ed organizzando centinaia di viaggi nei luoghi della memoria. 

Un lavoro che non ha eguali, per qualità, diffusione, profondità nell’approccio ai temi della storia contemporanea. La scelta di allargare la platea dei partecipanti anche agli studenti dei Centri di Formazione, operata da tre anni a questa parte, ha consentito anche a queste ragazze e a questi ragazzi di usufruire di quest’opportunità.

c.s.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore