/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | giovedì 26 aprile 2018, 07:20

Venaria, il 25 aprile in città e "sotto l'ombra di un bel fior" (VIDEO)

Fitta la partecipazione alle iniziative venariesi per la Festa della Liberazione. Al Mausoleo dei Caduti sono stati deposti dei fiori per i partigiani

La Festa della Liberazione a Venaria ha coinvolto praticamente tutta la città. Il programma "istituzionale" si è concluso, ieri sera, con una fiaccolata che da piazza dell'Annunziata ha attraversato le vie principali del Centro storico per poi concludersi davanti al Municipio. La scritta "Antifascista" è stata fieramente abbinata a "Città di Venaria Reale", su uno striscione che ha aperto il corteo ed è stato esposto durante gli eventi.

Il Corteo istituzionale del pomeriggio, con la posa di due corone (ai caduti della Prima guerra mondiale e alla lapide dedicata ai martiri di Venaria), ha coinvolto le principali autorità cittadine.

"Nessuna piazza di Venaria Reale - ha ribadito il sindaco, Roberto Falcone, durante il discorso tenuto in piazza Martiri della Libertà - appartiene né apparterrà mai a chi ripropone ideali fascisti e nefasti per il nostro passato, a chi ha dimenticato quel Ventennio buio, a chi disprezza con così disarmante ignoranza e superficialità il sacrificio dei nostri giovani partigiani e delle nostre partigiane".

Nel suo discorso, il sindaco ha poi rivolto un pensiero al dramma della Siria, quindi ha citato Antonio Gramsci: "Quando tutto è, o pare perduto, bisogna rimettersi tranquillamente all'opera, ricominciando dall'inizio".

Nel frattempo, mentre le celebrazioni in città andavano avanti tra cortei, piazze e discorsi, l'Anpi di Venaria Reale, ieri mattina, ha scelto di ricordare i caduti sepolti al cimitero della città. Al Mausoleo dei Caduti, infatti, sono stati portati dei fiori per i partigiani che sono caduti durante la Resistenza e che riposano al cimitero di via Giordano Bruno. Un'iniziativa, intitolato "Sotto l'ombra di un bel fior", ha ricordato chi ha dato la vita per la libertà sulle note di "Bella ciao".

 

 

Paolo Morelli

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore