/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 18 aprile 2018, 18:05

Venaria, al via i lavori per la nuova fognatura su corso Garibaldi

Chiusa via Iseppon dal 21 aprile. Il cantiere dovrà necessariamente concludersi entro il 21 maggio per lasciar spazio al Giro d’Italia, che passerà proprio da lì

Venaria, al via i lavori per la nuova fognatura su corso Garibaldi

Un nuovo tratto fognario per corso Garibaldi a Venaria. A individuare questa necessità è la SMAT, che ha richiesto la realizzazione di un nuovo ramo sull’asse viario che collega la città a Torino, nell’intento di alleggerire il carico del condotto già esistente, che già in alcune occasioni ha si è riempito oltremisura fino a causare fuoriuscite d’acqua a livello stradale.

Il Comune di Venaria ha quindi approvato una nuova ordinanza per chiudere il traffico in via Iseppon, tra via IV Novembre e corso Garibaldi, a partire dal 21 aprile. I lavori, poi, dovranno tassativamente terminare entro il 21 maggio, visto l’arrivo della 19a tappa del Giro d’Italia, che partirà da Venaria il 25 maggio passando proprio per via Iseppon. La strada, per quella data, dovrà essere quindi completamente libera. Stesso discorso per le vie limitrofe.

Chiusa, quindi, buona parte di via Iseppon, dove non sarà possibile parcheggiare (sempre nel tratto tra via IV Novembre e corso Garibaldi). Divieto di sosta esteso anche a al tratto fra via IV Novembre e corso Papa Giovanni XXIII, così come su corso Garibaldi, in entrambi i sensi di marcia, nel tratto compreso tra via Iseppon e via IV Novembre. Nelle vicinanze del cantiere, poi, il limite di velocità scenderà a 30 km/h. Questi divieti saranno in vigore ogni giorno dalle 8 alle 19.

I lavori partiranno con uno scavo esplorativo per controllare la situazione dei sottoservizi, prima della realizzazione vera e proprio del nuovo ramo fognario. L’impresa, la Ritonnaro Costruzioni, si occuperà anche della risistemazione del manto stradale una volta conclusi i lavori, nonché della pulizia. Esclusi dai divieti i mezzi pubblici, i mezzi di servizio e di soccorso, le Forze dell’ordine e i veicoli addetti alla raccolta dei rifiuti.

Paolo Morelli

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium