/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | lunedì 16 aprile 2018, 07:57

Rivoli, il sindaco Dessì: "Presto 300 telecamere vigileranno sulla sicurezza dei cittadini"

E il primo cittadino torna sui fatti di febbraio: "Nessuna baby-gang sul nostro territorio. Si è trattato di un caso isolato su cui stanno indagando le forze dell'ordine"

"Non esistono baby gang extracomunitarie sul territorio rivolese: quello che è successo lo scorso mese di febbraio è un avvenimento isolato, caso sul quale le Forze dell'Ordine stanno però ancora indagando". Così il sindaco di Rivoli, Franco Dessì, è tornato sulle vicende che si sono verificate qualche mese fa, in città.

Era il 17 Febbraio a Rivoli quando furono aggrediti, in pieno giorno, due ragazzi di 17 anni da quella che era stata definita una baby gang, presumibilmente composta da extracomunitari. I due ragazzi furono minacciati in pieno giorno con dei coltelli e derubati del portafogli mentre stavano andando alla fermata del 36 all'altezza dell'ex struttura dell'agenzia delle entrate in fase di riqualificazione urbanistica.

La consigliera comunale di Lista Civica, Giovanna Massaro, ha voluto chiedere chiarezza al sindaco, domandandogli in che modo si potesse garantire più sicurezza ai cittadini, per il futuro. La risposta del primo cittadino non si è fatta attendere portando, durante il Consiglio Comunale, notizie rassicuranti: "Abbiamo approvato un progetto di circa 1.500.000 euro per l'installazione di oltre 200 telecamere, che con il tempo potrebbero salire a 300, su tutto il territorio, dando la precedenza all'installazione in luoghi ritenuti sensibili. Vogliamo garantire così una maggiore sicurezza, basti pensare che a Rivoli ne sono presenti 550 tra vie e piazze e sicuramente 300 telecamere garantiscono una buona copertura".

Si tratterà di telecamere a circuito aperto e permetteranno una miglior collaborazione con le forze già presenti di Carabinieri e Polizia di Stato. Il sindaco esclude l'intervento della protezione Civile, come suggerito dalla Consigliera durante il dibattito, poiché non è compito specifico della Protezione Civile ma sottolinea come, oltre agli organi preposti, anche i Comitati di Quartieri sono molto attivi e segnalano efficacemente a chi di dovere ogni situazione critica di cui vengono a conoscenza.

Virginia De Meo

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore