/ Viabilità e trasporti

Che tempo fa

Cerca nel web

Viabilità e trasporti | giovedì 01 marzo 2018, 15:35

Rivoli, si apre una speranza per la fermata a misura di disabile visivo

La questione riguarda la tratta GTT 1432 Gronda che unisce Alpignano e None: il vicesindaco Rolfo ha dato la propria disponibilità. Ora si attende la risposta di GTT Extra-To

Rivoli, si apre una speranza per la fermata a misura di disabile visivo

Si apre qualche concreta speranza per gli ipovedenti residenti in via Rivalta 91 a Rivoli, che tempo fa avevano lanciato un appello per ottenere una fermata dei mezzi pubblici che fosse comoda e, soprattutto, sicura rispetto alla viabilità. Un tema che avevamo sollevato anche con il nostro giornale.
Come è noto, la richiesta era stata avanzata insieme ad altri residenti da quasi un anno: serviva una nuova fermata lungo la linea GTT 1432 Gronda che unisce Alpignano a None. Senza questo tipo di servizio per loro era impossibile percorrere autonomamente la provinciale fino alle fermate già esistenti.

Le buone notizie giungono dall'Agenzia Regionale per la Mobilità, che ha dato un giudizio sostanzialmente positivo all'operazione, e dal vicesindaco di Rivoli, Franco Rolfo, che ha ricevuto ufficialmente l'associazione APRI-onlus dichiarandosi favorevole all'operazione. L'incontro è avvenuto proprio ieri, 28 febbraio, presso il Municipio rivolese. Ora la palla passa alla GTT Extra-TO per un giudizio definitivo di natura tecnica.

"Speriamo che si sia giunti alla fine di questa angosciosa vicenda - dichiara Marco Bongi, presidente di APRI-onlus -. E' proprio vero che in Italia per piantare un palo bisogna smuovere almeno quattro enti: comune, GTT, Città Metropolitana e Agenzia della Mobilità. Ci vuole una grande pazienza".

Intanto i disabili visivi attendono fiduciosi e sperano di poter presto recuperare un minimo di autonomia negli spostamenti.

Massimiliano Sciullo

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore